Passa ai contenuti principali

Elezioni europee, l'Europa vira pericolosamente a destra, tra astensionismo e nazionalismi


Si sono concluse le politiche europee, con risultati forse in parte inaspettati. Certamente vi era stato un mero allarmismo per la crescita dei partiti dell'estrema destra, del nazionalismo, effetto prevedibile ed evitabile dell'austerità ed assoluto rigore che ha massacrato in particolar modo l'Europa del Sud a causa delle speculazioni bancarie e finanziarie. Ma vivendo in una società intossicata dalla menzogna e dalla speculazione anche informativa, si fa spesso fatica a comprendere quando gli allarmismi siano corrispondenti al vero o quando questi siano figli solo di studiate strategie comunicative per fini elettorali. A quanto pare, tale strategia almeno in Italia ha in un certo senso ben funzionato, visto il risultato del PD e lo schiaffo pesantissimo subito dal M5S. Queste elezioni, come volevasi dimostrare, in Italia, sono state un referendum per il Governo e dunque per il Pd in primis.  A questo punto è legittimo un raffronto con le politiche del 2013, ed i voti della Camera e del Senato, raffrontati con quello unico per le politiche comunitarie, evidenziano, nel complesso, una forte perdita di voti anche per il PD, nonostante gli 11 milioni di voti maturati nel 25 maggio 2014. Il primo partito, in Italia, è stato ancora una volta, quello silente, del non voto.Anche se l'astensione, a dirla tutta, sembra non fare notizia, e continua ad essere delegittimata, grave errore di valutazione sociale corrispondente alla negazione di una parte fondamentale della società e ciò non dovrebbe portare al grido, con enfasi, di vittoria, da parte di nessuna forza politica, in relazione ai seggi conquistati in più rispetto ai propri avversari o nemici.Prima o poi anche il non voto farà sentire la sua voce. Quello che è certo è che l'Europa aveva bisogno di essere legittimata, aveva bisogno di sfidare e sconfiggere in modo decisivo l'astensionismo in primo luogo ed  il nazionalismo in secundis
Ed a quanto pare, ha fallito sia nel primo che nel secondo caso. Essere contenti del fatto che l'astensionismo è nel complesso stabile, non è una vittoria. Così come non è una vittoria assegnare centinaia di seggi a forze di estrema destra e di stampo nazionalistico. Intanto l'Inghilterra ha già fatto sapere che non perderà tempo, avvierà quanto prima il “divorzio” dall'Europa. Insomma un terremoto devastante per l'Unione Europea che vede una maggioranza formale di centro destra e nel complesso di carattere conservatore con le spade del nazionalismo sempre puntate. Saranno anni duri, e difficili, ancora più difficili di quelli appena trascorsi. Nel mentre di tutto ciò a Trieste, si è realizzata nella centralissima area di Ponte Rosso, il mercato europeo. Operatori del commercio ambulante, dalla Calabria alla Grecia,dalla Bretagna alla Finlandia, hanno condiviso la sana tradizione e sana identità culturale attraverso la più antica pratica del mondo, quella del commercio. Una iniziativa che riporta alla mente al vecchio mercato europeo del 2001, la Piazza Europa, che aveva lo scopo di promuovere la nuova moneta unica quale l'Euro. Queste elezioni hanno dimostrato che l'Europa, basata solo sull'economia, sul rigore contabile, sull'austerità, è destinata a crollare. Piazza Ponte Rosso è stata un bellissimo esempio di unione e condivisione di sentimenti e culture, ed auspico che nell'immediato futuro vi possa essere, a Trieste, la piazza europea dei diritti civili, perché l'Europa è di questo che ha bisogno più di ogni altra cosa, a partire dal contrasto all'omotransfobia e ad ogni razzismo. Contro ogni pericoloso e nefasto nazionalismo, ma con la salvaguardia dell'identità culturale di ogni Paese, contro ogni chiusura delle frontiere, per l'unione delle comunità per l'Europa della pace e dell'integrazione. Anche se ad essere realistici, guardando la nuova composizione del Parlamento europeo, temo che anche per i citati diritti civili sarà un periodo di lunga agonia.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …