Passa ai contenuti principali

44 anni per lo Statuto dei lavoratori e non delle lavoratrici

Il 27 maggio del 1970 veniva pubblicato nella Gazzetta Ufficiale lo Statuto dei Lavoratori. Per alcuni aspetti una importante conquista sociale, figlia di quel 68 che oggi giorno hanno attaccato su tutti i fronti, e per altri aspetti una concessione, con pochissimi mesi di discussione parlamentare, finalizzata a determinare la pacificazione sociale. Uno Statuto che nasce sotto il nome di una società maschilista, si parlerà sempre di lavoratori e mai di lavoratrici. Si dovrà attendere, per esempio, la Legge 9 dicembre 1977, n. 903 per ottenere alcune disposizioni importanti in tema di parità' di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro. Ciò grazie alle lotte fondamentali dei movimenti femministi. In particolar modo l'articolo 13 che andava a modificare l'ultimo comma dell'articolo 15 della legge 20 maggio 1970, n. 300 in questo modo : "Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano altresi' ai patti o atti diretti a fini di discriminazione politica, religiosa, razziale, di lingua o di sesso".
Il riferimento riguarda le discriminazioni sul lavoro. In quel periodo, nel settore industriale, visto che lo Statuto veniva pensato in primis per la grande industria,  dominava il lavoro maschile e veniva privilegiato il lavoro maschile. Le donne erano collocate in una posizione di marginalità assoluta, da una mobilità perenne e stato di disoccupazione enorme. Società maschilista, che ancora oggi resiste e persiste, nonostante i tentativi, spesso pessimi, di invertire le rotte.
Statuto dei Lavoratori e non delle lavoratrici.
Cosa è mutato dal 1970 ad oggi? Che lo Statuto dei lavoratori è stato svuotato, raggirato. Si è verificata una sorta di parificazione, questa volta sì, tra la condizione del lavoro maschile a quella femminile nel capitolo della precarietà assoluta sia essa lavorativa che esistenziale. Ma a dirla tutta, anche all'interno della precarietà, la condizione femminile rischia di essere peggiore rispetto a quella maschile, per una moltitudine di fattori ben noti.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …