Passa ai contenuti principali

Non si possono utilizzare le prove Invalsi per valutare i singoli studenti



Ci risiamo. Ogni volta che si avvicina il periodo delle prove dell'Invalsi, ecco la diffusione di miti e leggende che se non smentite, rischiano di creare enormi preoccupazioni;  leggende, il cui unico scopo, è ed altro non può essere, che quello di invitare, tramite il timore del voto e della valutazione, gli studenti ad impegnarsi per le citate prove ed evitare ogni azione di dissenso. Come prima cosa è il caso di ricordare, vivamente, che la CM n. 89 - Prot. MIURAOODGOS/6751, in tema di valutazione periodica degli apprendimenti afferma testualmente, in alcuni suoi passaggi fondamentali, quanto segue: “Le istituzioni scolastiche, pertanto, adotteranno modalità e forme di verifica adeguate e funzionali all’accertamento degli obiettivi e dei risultati di apprendimento, declinati in competenze, conoscenze e abilità, come previsto dalle Indicazioni nazionali per i percorsi liceali, dalle Linee guida per gli istituti tecnici e per gli istituti professionali e dal D.M. n. 139 del 22 agosto 2007 relativo all’obbligo d’istruzione. (...) Resta comunque inteso, come principio ineludibile, che il voto deve essere espressione di sintesi valutativa e pertanto deve fondarsi su una pluralità di prove di verifica riconducibili a diverse tipologie, coerenti con le strategie metodologico-didattiche adottate dai docenti. Sarà cura quindi del collegio dei docenti e dei dipartimenti fissare preventivamente le tipologie di verifica nel rispetto dei principi definiti dai decreti istitutivi dei nuovi ordinamenti".

Dunque se i Collegi docenti non deliberano nulla in tal senso, in merito alla possibilità di utilizzare le prove Invalsi come valutazione individuale, il problema non sussiste; però, ecco il però, anche se i Collegi docenti dovessero deliberare in tale direzione, tale delibera sarebbe a dir poco fuorviante perché si scontrerebbe con le stesse indicazioni dell'Invalsi e nello stesso tempo sarebbe anche non applicabile ed inefficace. L'Invalsi, nel suo manuale del somministratore, specifica  “che non verrà dato alcun voto per lo svolgimento della prova"oppure la nota del 2014 specifica che le prove Invalsi “ non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni”. Già ciò basterebbe.

Ma vi sono altri aspetti tecnici e legali a dir poco interessanti.
Il primo è quello della Privacy. Lo stesso Invalsi, nella sua informativa, afferma che “" Le rilevazioni degli apprendimenti concorrono, secondo la legge, alla valutazione del valore aggiunto realizzato dalle scuole",ed ancora specifica che " i dati personali verranno trattati in modo da essere resi anonimi all’esterno e all’interno dell’istituto, immediatamente dopo la raccolta effettuata dalle istituzioni scolastiche. Il codice di accoppiamento tra le informazioni raccolte e l’identificativo della persona è conosciuto solo dal personale docente dell’istituzione scolastica incaricato della somministrazione e dal personale di segreteria incaricato della trasposizione dei dati sulla scheda risposta e, una volta utilizzato per la predetta funzione, non è ulteriormente utilizzabile”.

Si parla dunque di valore aggiunto ed il valore aggiunto per l'Invalsi è il seguente: “Si ribadisce pertanto che tutte le risultanze delle rilevazioni sugli apprendimenti, in termini di livelli o di stima del valore aggiunto, vengono dall’INVALSI restituite alle singole scuole per aiutare le stesse a riflettere su se stesse e verranno altresì adoperate per identificare le scuole in condizioni maggiormente critiche su cui concentrare la valutazione esterna e la disponibilità di eventuali supporti dall’esterno”.

Non si parla dunque di valutazione individuale degli studenti.

L'Invalsi, nella breve guida realizzata l'anno scorso specificava, tra le varie cose che “I risultati delle prove sono restituiti alle singole scuole in forma privata e anonima. Ciascuna scuola potrà analizzare dunque i risultati dell’apprendimento dei propri studenti confrontandoli al proprio interno (classi della stessa scuola) e con altre scuole. Questa comparazione consentirà a ogni Istituto scolastico di valutare la propria efficacia educativa e di riflettere sulla propria organizzazione didattico-metodologica al fine di promuoverne il miglioramento”. Ed ancora : "Le prove non sostituiscono la valutazione degli insegnanti che tiene conto di tutte le materie e dello sviluppo complessivo di ogni studente. Solo nell’esame conclusivo del I ciclo il punteggio preso dallo studente nelle prove INVALSI incide, ma con un peso solo pari a 1/7, sul voto finale”.

Ma pur volendo, utilizzare queste prove per la valutazione individuale, in palese violazione della Legge, delle direttive Invalsi e della normativa sulla Privacy, ciò sarebbe impossibile, anche per ragioni operative. La restituzione dei dati alle scuole, da parte dell'Invalsi, di norma avviene nel mese di settembre, dunque ad anno scolastico concluso. A tal proposito l'Invalsi specifica anche che “la restituzione dei risultati delle rilevazioni degli apprendimenti alle singole scuole sarà oggetto di particolare attenzione da parte dell’INVALSI, in modo che i risultati stessi possano costituire per le istituzioni scolastiche una base per l’avvio dei processi di autovalutazione”.
Che è una cosa ben diversa dalla valutazione individuale degli studenti. Ricordo, infine, che per le giornate del 6,7 e 13 maggio è stato proclamato lo sciopero contro le prove Invalsi da parte dei Cobas, che gli studenti, in diverse realtà italiane si stanno mobilitando per boicottare queste prove con iniziative variegate, il dissenso è forte, la critica è consistente, e le operazioni  fuorvianti, come poste in essere da alcuni docenti e dirigenti non avranno altro effetto che rendere ancora più convincente e determinante l'azione di lotta, perché quando si è costretti a mentire od a partorire false informazioni il motivo non può essere che quello del timore di fallire in quelle giornate, ma il primo fallimento è dato dalla cattiva informazione, cosa grave, anzi gravissima, nella scuola pubblica che dovrebbe insegnare ben altro.




Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…