Passa ai contenuti principali

Il caso Sei come sei, un pretesto per attaccare la Strategia nazionale LGBT



Sei come sei è edito da Einaudi editore, giusto per intenderci. 
Ha vinto, Melania Mazzucco, con quel libro,  il Premio Letterario Internazionale “Il Molinello”, Medaglia del Presidente della Repubblica 2014, Medaglia del Presidente del Senato, Medaglia del Presidente della Camera Dei Deputati, organizzato dall’Associazione Culturale Il Molinello con il contributo del Comune di Rapolano Terme, il patrocinio della Provincia di Siena e della Regione Toscana, giusto per intenderci nuovamente. Ma a quanto pare,ogni pretesto, ed in questo caso il pretesto sarebbe la lettura di alcune pagine del libro da parte di alcuni Professori ai propri allievi, è buono per porre in essere un mero attacco di stampo razzista, perché quando si parla di omofobia è di razzismo che stiamo discutendo e ciò è cosa utile non dimenticarla mai. Premesso che la libertà d'insegnamento è, teoricamente garantita dalla nostra Costituzione, dal TU della Scuola lì ove si norma, in modo tassativo che "ai docenti è garantita la libertà di insegnamento come autonomia didattica e come libera espressione culturale del docente ma anche che l’esercizio di tale libertà è diretto a promuovere, attraverso un confronto aperto di posizioni culturali, la piena formazione della personalità degli alunni". 

L'articolo 1 comma 2 del Regolamento dell’autonomia scolastica afferma che "L'autonomia delle istituzioni scolastiche è garanzia di libertà di insegnamento e di pluralismo culturale e si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente con le finalità e gli obiettivi generali del sistema di istruzione e con l'esigenza di migliorare l'efficacia del processo di insegnamento e di apprendimento"

Nel liceo, per quanto concerne l'insegnamento delle materie umanistiche, la normativa afferma, tra le varie cose, che “lo studio della letteratura sarà accompagnato da letture di documenti e di passi caratteristici per lo stile sia dei singoli autori, sia di intere epoche (per le letterature antiche la documentazione diretta sarà completata dalla lettura di buone traduzioni italiane) sulla base di tali letture, volta a volta si verrà a sobri rilievi sugli autori, a cogliere i caratteri salienti e distintivi degli autori e delle epoche, ed a provocare da parte degli alunni precise formulazioni orali e scritte dei loro sentimenti e giudizi. Non si trascureranno, d'altra parte, opportuni rilievi grammaticali, sintattici e lessicali”.

Bene. 
Come è noto, forse, il nostro Paese ha aderito,tramite il Dipartimento per le Pari Opportunità e l’UNAR, al Programma del Consiglio d’Europa, nel cui ambito è stata adottata la Strategia nazionale LGBT 2013–2015. Questa ha lo scopo di combattere le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, per l’attuazione e l’implementazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/REC (2010)5., al quale l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni (UNAR) ha aderito, è stata elaborata la Strategia Nazionale per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, predisposta e coordinata dall’UNAR, in collaborazione con le diverse realtà istituzionali, le Associazioni LGBT e le parti sociali

Ho già avuto modo di segnalare i forti ed ingiustificabili ritardi nell'adozione di questa direttiva in modo omogeneo e diffuso in tutto il territorio nazionale ( questo il link: http://xcolpevolex.blogspot.it/2013/12/lgbt-e-scuola-che-punto-siamo-con-la.htmlma per una volta, che un libro viene letto, in relazione ai principi di questa direttiva, e che dalla lettura del libro, omologato in modo ignobile come pornografico, e ciò non può che riportare alla mente tutti quei pregiudizi razzisti, cattivi, che vogliono l'omosessualità come sinonimo di pornografia, derivi il putiferio che ben conosciamo, come non pensare che il vero scopo sia quello di attaccare oltre che la libertà d'insegnamento, la strategia nazionale LGBT? In uno dei passaggi della strategia si precisa, tra le varie cose, che, in tema d'istruzione, l'insegnamento che deve emergere deve comprendere in particolare “il rispetto del diritto dei bambini e dei giovani all’educazione in un ambiente scolastico sicuro, al riparo dalla violenza, dalle angherie, dall’esclusione sociale o da altre forme di trattamenti discriminatori e degradanti legati all’orientamento sessuale o all’identità di genere”. Non parlare di omofobia, non parlare di omosessualità, è una violenza che si attua nella scuola e nella società, censurare i libri o addirittura ricorrere a sterili e propagandistiche denunce per evitare che questa tematica fondamentale in una società civile, cosa che l'Italia tarda a divenire per molti aspetti, possa essere di dominio pubblico ed all'interno del normale luogo ove si formano menti critiche e pensanti ed i futuri cittadini, è una vergogna, questa sì, che merita di essere denunciata e censurata.

Sei come Sei va diffuso in tutto le scuole.

Questa deve essere la risposta all'omofobia ed alla censura razzista che richiama tempi bui che non sono finiti nell'oblio ma che cercano di ritornare, con prepotenza e con la forza dell'ignoranza, alla luce.





Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …