Passa ai contenuti principali

Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò semplicemente liberi

In questo strano Paese, che più non amo e maledettamente strano, e senza etica alcuna, fiumi di parole diventano piccoli torrenti che bagnano strade, vie di città e periferie, con lo scopo di educare al pensiero unico. Pensiero unico significa praticare la condivisione della memoria, una sola, in base a fonti create e selezionate, una per una, con cura maniacale, dal sistema con l'unico e chiaro, quanto cupo, fine di salvaguardare se stesso dall'eventuale senso del dubbio. Dubbio. Dubitare, ovvero ragionare, ovvero criticare, ovvero porre in discussione, ostacolare, lottare ma anche sognare. Nessun dubbio, ma certezza, certezza autoritaria, che con l'ausilio dello strumento legislativo, governato con il timone del potere, con il vento dell'oligarchia, spacciato tramite l'eco dell'illusione come sentimento di democrazia, impone la verità,il dogma,l'assioma assoluto.  Nell'attesa che i processi del sistema possano avere luogo,chi ha osato il no, pescato nel mucchio del no, verrà chiuso in un circuito di massima sicurezza. Sbarre, muro, e sogni infranti. Si deve tutelare l'immagine del Paese, si deve tutelare il materialismo di stato che ha un valore maggiore rispetto alla vita umana. D'altronde che la vita umana non ha prezzo è un dato di fatto, nel senso che non vale nulla, almeno per chi intende esercitare l'arbitrio condizionato dal potere nel governo del presente sistema. Un compressore vale più di un giorno di libertà. L'immagine, l'apparenza, valgono più di un giorno di vita. Ma anche in questo caso, si tratta di concetti variabili. Evadere milioni di euro ed essere punito solo con quattro ore settimanali per dieci mesi, è atto di decoro rispettabile, è atto di giustizia formidabile, no? Scambiare una persona per uno zainetto e calpestarla con odio ed indifferenza, come se fosse il peggior insetto da schiacciare con tutto il peso del proprio possente corpo è fottutamente normale, ed al massimo rischi un richiamo verbale, una censura, se sei dalla parte giusta, quella che deve garantire lo status quo. 
Segue appello per chiedere la libertà di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò

***
Anche noi saremo a Torino, il 10 maggio, per far sentire la nostra solidarietà a 
Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò. E’ importante ripetere i nomi, è importante scandirli perché stiamo parlando di quattro vite, quattro esseri umani, quattro attivisti No Tav che dal 9 dicembre 2013 sono imprigionati, sparpagliati tra le carceri di Alessandria, Ferrara e Roma, sottoposti a un regime di alta sicurezza (AS2).
Per noi come per la popolazione della Val di Susa questi prigionieri sono fratelli e sorelle, parte della comunità che da più vent’anni resiste a una «grande opera» inutile e insensata, macchina mafiogena ed ecocida, meccanismo divorasoldi e divoramontagne imposto al territorio con prepotenza, ottusa arroganza e metodi prettamente autoritari.
Per noi prendere posizione è facile, è scontato. Ma anche chi non si è mai informato su questa lotta, e come molti è stato indotto a guardarla con sospetto, dovrebbe allarmarsi per quanto sta accadendo. E’ una vicenda che racconta una storia più grande, che rischia di ingrandirsi ulteriormente e coinvolgere sempre più persone. Tu che leggi, con quale certezza puoi dirti al sicuro? Come dice il motto latino: «de te fabula narratur». Forse questa storia parla già di te.
Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò vengono spacciati per terroristi e, a poco più di vent’anni d’età, si trovano a rischiarne trenta di prigione. Il processo inizierà il 22 maggio. Di cosa sono accusati, esattamente?
Sono accusati di aver partecipato a una iniziativa durante la quale venne danneggiato un compressore. Cioè un oggetto inanimato. Una cosa, fatta di metallo e fili.
Quella notte, non un poliziotto né tantomeno un operaio del cantiere TAV furono sfiorati, nemmeno alla lontana.
L’accusa di terrorismo e il regime di alta sorveglianza trovano il loro appiglio nell’art. 270 sexies del codice penale, incartato nove anni fa dentro uno dei tanti «pacchetti sicurezza» propinati a un’opinione pubblica in cerca di facili rassicurazioni. Era il luglio 2005, c’erano stati da poco gli attentati alle metropolitane di Madrid e Londra.
Coincidenza: quello stesso anno il movimento No Tav conseguì la sua più importante vittoria sul campo, bloccando e scongiurando l’apertura del cantiere per il cunicolo geognostico previsto a Venaus. In apparenza non c’entra, e invece c’entra, perché nel 270 sexies si legge (corsivo nostro): «Sono considerate con finalità di terrorismo le condotte che, per la loro natura o contesto, possono arrecare grave danno ad un Paese o ad un’organizzazione internazionale e sono compiute allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici o un’organizzazione internazionale a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto [...]»
Dato che il movimento No Tav vuole impedire il colossale sperpero del TAV Torino-Lione, ogni iniziativa in tal senso può essere ricondotta a «finalità di terrorismo».
Ecco perché nessuno è al riparo da questa accusa.
Per due PM e un GIP della procura di Torino, Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò hanno cercato di «danneggiare l’immagine dell’Italia».
Proprio così, ripetiamolo: «danneggiare l’immagine dell’Italia».
Quale Italia sarebbe stata danneggiata nella sua immagine dai No Tav che stanno per andare a processo?
L’Italia che i poteri costituiti vedono «diffamata» dai No Tav è forse quella della dignità, della solidarietà, della partecipazione democratica? O è piuttosto quella di un certo «sviluppo» che serve solo il malaffare, della simbiosi tra partiti e cosche criminali, degli appalti sospetti, del lavoro con molti ricatti e pochi diritti, dei veleni e del biocidio?
Quella che stiamo descrivendo è solo la punta più avanzata di una strategia che la Procura di Torino ha avviato da tempo. Attivisti accusati di stalking, ambientalisti accusati di procurato allarme, ragazzi accusati di sequestro di persona, sindaci condannati a pagare cifre astronomiche, mesi di galera per la rottura di un sigillo, processi tenuti in aule-bunker…
La pretesa di affrontare un problema politico e tecnico come quello della Torino-Lione attraverso la repressione giudiziaria e poliziesca sta avendo e avrà sempre più conseguenze devastanti. Devastanti non solo per il vivere civile, ma soprattutto per quattro ragazzi che rischiano di passare la loro gioventù in prigione, perché qualcuno ha deciso di schiacciare la resistenza valsusina sotto un tallone di ferro.
Se sottoporre i quattro ragazzi al regime di Alta Sicurezza 2 doveva spezzare loro e far vacillare il movimento no tav, possiamo dire con certezza che non è servito.
Non è servito l’isolamento imposto ben oltre il periodo delle indagini, contro quel che si legge nell’articolo 33 dell’ordinamento penitenziario e nell’art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.
Non sono servite la drastica limitazione delle ore d’aria, la censura della posta la riduzione delle visite (permesse solo ai famigliari in senso stretto, quindi non a compagni/e di vita e conviventi).
Non è servita nemmeno la criminalizzazione mediatica.
Da dietro le sbarre, Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò hanno spedito lettere mai rassegnate, spesso ironiche, provocatorie, briose. Hanno chiesto per sé più repressione, più isolamento e il divieto di mangiare, hanno chiamato a testimoniare per la difesa «mio cugino che mi vuole tanto bene»… Dulcis in fundo, hanno suggerito di aggiungere Dudù il cagnolino di Berlusconi, alla surreale lista di «parti offese» stilata dai PM.
Lista che oggi include,senza il minimo intento umoristico, la Commissione Europea, il Consiglio dei Ministri, il III Reggimento Alpini di Pinerolo, i carabinieri di Sestriere, la P.S. di Imperia, la Guardia di Finanza di Torino…
Il 10 maggio si va in piazza.
A sostegno delle vere «parti offese».
Per la libertà di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, e per la libertà di tutti.
Per l’aria, l’acqua, il suolo e la salute pubblica della Val di Susa, dell’Italia e del pianeta.
Contro l’oscena accusa di terrorismo.
A Torino, alle 14, in Piazza Adriano.
Noi ci saremo.
Primi firmatari: Marco Aime (antropologo e scrittore) – Paolo Cacciari (giornalista) – Pino Cacucci (scrittore) – Massimo Carlotto (scrittore) – Giulietto Chiesa (Giornalista) – Girolamo De Michele (scrittore) – Valerio Evangelisti (scrittore) – Sabina Guzzanti (attrice e regista) – Loredana Lipperini (giornalista, conduttrice di Fahrenheit) – Valerio Mastandrea (attore e regista) – Maso Notarianni (giornalista-Peace Reporter) – Alberto Prunetti (scrittore) – Serge Quadruppani (scrittore) – Edoardo Salzano (Urbanista) – Vauro Senesi (editorialista e vignettista) – Cecilia Strada (presidente Emergency) – Guido Viale (economista) – Wu Ming (collettivo di scrittori) – Zerocalcare (fumettista)
Per aderire all’appello scrivere indicando nome e cognome a appello10maggio@gmail.com
Le adesioni sono in aggiornamento:
Ascanio Celestini (attore) – Alberto Airola (portavoce al Senato del M5S) – Alberto Giovanni Biuso (docente universitario) – Gian Paolo Serino (critico letterario) – Raphael Zanotti (giornalista) – Marco Scibona (senatore M5S) – Liliana Gualandi (giudice onorario al tribunale dei minori di Milano) – Andrea Fumagalli (economista) – Claudio Calia (fumettista) – Ugo Mattei (giurista) – Peter Freeman (giornalista e regista) – Andrea Doi (giornalista) – Cristina Morini (saggista e scrittrice) – Domenico Finiguerra (campagna Stop al consumo del territorio) – Walter Ferrari (docente universitario di Storia, scrittore) – Vito Crimi (senatore M5S) – Marco Philopat (scrittore) – Nicola Morra (senatore M5S) – Maksim Cristan (scrittore) – Daria Spada (cantante lirica) – Mariano Tomatis (illusionista e scrittore) – Paolo Sollier (allenatore e scrittore) – Alessandro (Bibi) Bozzato (regista e documentarista) – Agenzia X (casa editrice) – Slavina (scrittrice e performer) – Société Ethnobotaniqua Alpine, Moncenisio – Tania Preste (storica) – Enrico Rennella (Ricercatore CNRS) – Maurizio Pagliasotti (giornalista) – Lionello Gioberto (sindaco) – Ugo Lucignano (Direttivo provinciale CGIL) – Elena Emilia Cicorella (scenografa) – Margherita Fina (musicista) – Sandro Moiso (scrittore) – Milvia Comastri – Roberto Gastaldo – Alfredo Simone (giornalista) – Ettore Luzi (Ricercatore UNIFI) – Fiammetta Benati – Paolo dalla Zonca (produttore radiofonico) – Simone Garino (musicista) – Florian Mucci – Silvia Grinzato (sindacalista CGIL) – Lisa Rigotti – Roberto Dosio (medico) – Michele Di Filippo – Daniele Contardo (musicista) – Tullio Florio (impiegato) – Daniele Verdolini – Ada Rota (docente università di Torino) – Niccolò Busatta – Associazione FabioNews – Liliana Piattone – Mimmo Stolfi (giornalista) – Davide Garetto – Alessandro Saulini – Giacomo Ortona – Piero Leodi (redattore) – Silvano Raise – Francesco Molinari (avvocato) – Ilaria Cesarino – Camilla Zenobi (operatrice telefonica) – Francesca Pellegrino – Franco Cometa – Giorgio Bianco – Paola Arioli – Fabio Luca – Gianfranca Fois – Ferruccio Rizzi (amministratore pubblico, pensionato) – Gisella Arioli – Giulio Nassini – Manuel Messina (avvocato) – Massimiliano Martelli (PRC di Latina) – Maria Luisa Loche – Claudio Durandetto – Nathalie Molin – Roberta Cicorella (impiegata) – Enrica Noseda – Antonio Granieri (architetto) – Chiara Tasselli – Azienda Agricola “Lou Rampar”, Torre Pellice – Comunità Forestale della Costa, Torre Pellice – Jacopo Rothenaisler – Giuseppe Titone (pensionato) – Patrizia Ravera – Luigi Chiarella (attore, drammaturgo) – Graziella Teti – Paolo Miletto – Donella Clarotti – Spaliviero Gian Paolo (scrittore e disoccupato) – Luigi Antonozzi – Alessio Calvitti – Nicola Romana – Giovanni Iaderosa (medico) – Sara Staffieri – Paolo Cirelli – Paola Lucarelli – Linda Confalonieri (performer) – Laura Colonna (performer) – Luigi Petronella – Mira Mondo – Nicoletta Maldini (libraia) – Silvio Panatta – Francesca Frigeri – Giulia Gadaleta (bibliotecaria) – Valentina Pasquale – Simone Scaffidi Lallaro – Roberto Visentin – Bruno Carpani – Roberto Solari (ANPI Mirano) – Tiziana Quirico – Nadia Crepaldi – Viviana Colla – Mario Guanziroli – Nicola Bertasi – Melina Caudo – Francesco Russo (funzionario pubblico precario) – Cristiana Rita – Consuelo Possenti – Salvatore Giaconia (artista) – Davide Morra – Anna Balderi – Fausto Gianelli (avvocato) – Stefano Bonino – Luca Leoni – Livia Grossi – Elisa Tenconi – Rosanna Zanella (traduttrice) – Simona Sorrentino – Stefania Di Campli – Rosa Mordenti – Maurizio Colognola – Agnese Baini – Massimo Galeazzo – Stefano Assogna – Gabriele Mainetti – Alba Bus (impiegata) – Alfredo Moretti (formatore) – Dora Esposito – Marco Fiorencis – 99 POSSE -

Gustavo Esteva Figueroa (Universidad de la Tierra, Messico) – Monica Mazzitelli (scrittrice e regista) – Fabrizio Lorusso (giornalista) – First Line Press – Osservatorio sulla Repressione – Collettivo Senza Slot Pavia – Elena Giuliani (comitato Piazza Carlo Giuliani) – Italo Di Sabato – Lorenzo Armando (editore) – Maurizio Vito (University of Arizona) – Gilberto Calzolari (medico) – Carlo Zucchetti – Paolo Voltolini (Università di Ottawa) – Eugenio Losco (avvocato) – Circolo “Comandante Muro” ANPI Piacenza – Franco Pezzini (saggista) – Arnaldo Reviglio (consigliere comunale Avigliana, capogruppo Avigliana Città Aperta) – Gianluca De Angelis (ricercatore) – Fulvio Grimaldi (giornalista) – Sandra Paganini (insegnante) – Alessandro Peregalli – Liliana Omegna – Marta Finotti (legalteamitalia) – Tamara Bartolini (attrice) – Anna Patrizia Patrignani – Luca Demicheli (musicista) – Luca Filisetti – Lucietta Bellomo (segreteria provinciale PRC Biella) – Stefano Girard (candidato M5S elezioni europee) – Marta Tondo – Vincenzo Bolognese (musicista) – Federico Milano (avvocato) – Francesco Giuseppe Conti – Fabrizio Salmoni (giornalista) – Lucia Tartaglia (operaia) – Cristiana Spinoni – Renato Sibille (teatrante) – Danilo Rossi (musicista) – Fausto Renado (delegato CUB) – Liliana Sacchi – Mario Cena (metalmeccanico) – Marco Bon – Rosanna Carpentieri – Rosa Maria Colognola – Michelangelo Lanza – Greta Del Fabbro – Paolo Sammuri – TG Vallesusa – Federico Repetto – Cristina Claro – Sara Bianchi – Pietro Deandrea – Franco Favro (pensionato) – Martino Coppola (geometra) – Maurella Bianco – Giulia Franchi (land compaigner Re:Common) – Elena Gerebizza – Antonio Tricarico – Oliviero Matta – Sonia Marzullo – Elena Bondi – Tancredi Tarantino – Carlo Dojmi di Delupis (grafico) – Diego Gullotta – Davide Gastaldo – Anna Grassini – Nadia Bagni – Marco Arturi (Fiom) – Anna Lucia Tomelleri – Gemma Romano – Luca Carboni (graphic designer) – Claudio Sbrago – Alberto Agliotti – Clara Vajthò (animatrice e poeta) – Cristina Campanerut – Barbara Ombrella – Andrea Ullo (set painter) – Giorgio Moro – Ludovico Cassetta – Enrica Paccoi – Alessandra Pavanello – Ignazio De Simone (musicista) – Roberta Dalpasso (impiegata) – Martina Pagliucoli – Luca Piercecchi (traduttore) – Veronica Siracusano Raffa – David Biagioni – Francesco Talanti (studente, lavoratore) – Alessandra Spillabotte – Tiziano Berardi (musicista) – Luca Ardemagni – Francesco Cecchini (scrittore) – Leonella Basiglini – Alessandro Bastasi – Antonello Martelli – Chiara Marzocchi – Alessandro Tagariello (docente) – Mario Bertea (USB Comune di Torino) – Tiziana Liguori – Andrea Rapini – Michela Damasco – Ingrid Anastasia Pedrazzini (laureanda in filosofia) – Marco Barone (blogger, attivista) – Sara Boschi – Livia Vittoria Claudia Brambilla – Paolo Bazzicalupo – Paola Di Paolo – Marcello Cavalieri (impiegato) – Luca Casarotti (collaboratore di Carmilla) – Daniela Maldera (operatore culturale) – Mariella Meo – Renato Rocci – Pierluigi Richetto – Gino Folletti – Fiorenza Bettini (attivista del Forum dei Movimenti per l’Acqua) – Nataniela Piccoli – Michaela Uccelli – Francesca Maratia – Francesca Pesce – Martina Grifoni – Fabio Urbinati – Raffaella Formato – Matteo Urbinati – Francesco Urbinati – Vladimiro Lionello – Caterina Greco – Claudia Pavan (assistente alla regia) – Paolo Ranucci – Mariagrazia Tesse – Beatrice Zuccaro – Salvatore Talia – Lorenzo Mancuso – Gaia Capogna – Daniela Pantaloni (ex insegnante di diritto) – Roberto Colarullo (ex insegnante di diritto) – Christian Nasi – Lisa Bonnet – Barbara Parracino 


Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …