Passa ai contenuti principali

Territorio libero di Trieste: quando la Jugoslavia denunciava il rischio per la pace



Con una lettera del 12 dicembre 1946 , il Segretario di Stato degli Stati Uniti , comunicava i pertinenti articoli e gli allegati tutti del Trattato di Pace con l'Italia che prevedeva, tra le varie cose,l'istituzione del Territorio Libero di Trieste , la cui indipendenza ed  integrità doveva essere assicurata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Dichiarava, in quella lettera, che il tutto doveva essere approvato entro l'inizio del febbraio del 1947. Alla riunione numero 89 del 7 gennaio 1947, il Consiglio inseriva la detta questione nell'agenda ed il 10 gennaio 1947 si decideva l'approvazione dei tre allegati tra cui l'accettazione delle responsabilità ivi connesse. Nel corso della riunione, si adottava la risoluzione che vedeva " Il Consiglio di Sicurezza , dopo aver ricevuto ed esaminato gli allegati al trattato di pace proposto con l'Italia relativi alla creazione e governo del Territorio libero di Trieste ( tra cui un accordo per il Porto Libero )” registrare l'approvazione dei documenti che prevedevano il regime provvisorio del Territorio Libero di Trieste. In Italia vi sarà un dibattito intenso, e su questo rinvio al seguente link:La ratifica del trattato di Pace del 1947 e l'astensione dei Comunisti e la questione Trieste .

Ma le frizioni, a livello internazionale furono molto vivaci. Già nel 1948, con lettera del 28 luglio, la Jugoslavia portava all'attenzione del Consiglio di Sicurezza la sistematica violazione delle clausole del Trattato di Pace con l'Italia per quanto riguardava il Territorio Libero di Trieste da parte del Comando Militare Alleato .
Tra le varie cose denunciava che la situazione rischiava “ di mettere in pericolo il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale" , e chiedeva espressamente al Consiglio " di assicurare il rispetto da parte dei governi degli Stati Uniti d'America e del Regno Unito i loro obblighi internazionali , garantendo così l'indipendenza della libero Territorio di Trieste " . Nel corso della riunione 344 del 4 agosto 1948, il Consiglio di sicurezza includeva la questione nella sua agenda. Il Consiglio di sicurezza esaminava il tutto nelle riunioni tra il 4 agosto e il 19 agosto 1948. Il Rappresentante degli Stati Uniti evidenziava che le accuse formulate dal rappresentante della Jugoslavia erano " assolutamente priva di sostanza " . Alla riunione 348 del 13 agosto 1948, il rappresentante della Jugoslavia , ritornava alla carica, presentando un progetto di risoluzione per dichiarare che taluni accordi conclusi tra il Comando Militare Alleato e la Repubblica d'Italia erano " incompatibili con lo status del Territorio Libero di Trieste " e di renderli " nulli " . Ma, alla riunione 354 del 19 agosto 1948, il progetto di risoluzione presentato dal rappresentante della Jugoslavia veniva respinto con due voti a favore, nessuno contrario , e con nove astensioni. Ciò a significare come la questione Trieste, già in quel tempo, creava certamente imbarazzo e probabilmente vi era la convinzione della violazione degli accordi internazionali, ma il predominio delle forze Alleate era talmente consolidato che opporsi al loro volere significava rischi elevati a livello diplomatico e non solo. D'altronde la mancata nomina del Governatore a Trieste si poneva in questa ottica.  Insomma la partita a scacchi che ha riguardato Trieste, sin dalla fine delle seconda guerra mondiale, oggi ancora viva, ha anticipato de facto la guerra fredda che oggi, nella primavera 2014, sembra essere ritornata con prepotenza all'attenzione mondiale e non solamente per i fatti della Crimea.


Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …