Passa ai contenuti principali

Territorio libero di Trieste: quando la Jugoslavia denunciava il rischio per la pace



Con una lettera del 12 dicembre 1946 , il Segretario di Stato degli Stati Uniti , comunicava i pertinenti articoli e gli allegati tutti del Trattato di Pace con l'Italia che prevedeva, tra le varie cose,l'istituzione del Territorio Libero di Trieste , la cui indipendenza ed  integrità doveva essere assicurata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Dichiarava, in quella lettera, che il tutto doveva essere approvato entro l'inizio del febbraio del 1947. Alla riunione numero 89 del 7 gennaio 1947, il Consiglio inseriva la detta questione nell'agenda ed il 10 gennaio 1947 si decideva l'approvazione dei tre allegati tra cui l'accettazione delle responsabilità ivi connesse. Nel corso della riunione, si adottava la risoluzione che vedeva " Il Consiglio di Sicurezza , dopo aver ricevuto ed esaminato gli allegati al trattato di pace proposto con l'Italia relativi alla creazione e governo del Territorio libero di Trieste ( tra cui un accordo per il Porto Libero )” registrare l'approvazione dei documenti che prevedevano il regime provvisorio del Territorio Libero di Trieste. In Italia vi sarà un dibattito intenso, e su questo rinvio al seguente link:La ratifica del trattato di Pace del 1947 e l'astensione dei Comunisti e la questione Trieste .

Ma le frizioni, a livello internazionale furono molto vivaci. Già nel 1948, con lettera del 28 luglio, la Jugoslavia portava all'attenzione del Consiglio di Sicurezza la sistematica violazione delle clausole del Trattato di Pace con l'Italia per quanto riguardava il Territorio Libero di Trieste da parte del Comando Militare Alleato .
Tra le varie cose denunciava che la situazione rischiava “ di mettere in pericolo il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale" , e chiedeva espressamente al Consiglio " di assicurare il rispetto da parte dei governi degli Stati Uniti d'America e del Regno Unito i loro obblighi internazionali , garantendo così l'indipendenza della libero Territorio di Trieste " . Nel corso della riunione 344 del 4 agosto 1948, il Consiglio di sicurezza includeva la questione nella sua agenda. Il Consiglio di sicurezza esaminava il tutto nelle riunioni tra il 4 agosto e il 19 agosto 1948. Il Rappresentante degli Stati Uniti evidenziava che le accuse formulate dal rappresentante della Jugoslavia erano " assolutamente priva di sostanza " . Alla riunione 348 del 13 agosto 1948, il rappresentante della Jugoslavia , ritornava alla carica, presentando un progetto di risoluzione per dichiarare che taluni accordi conclusi tra il Comando Militare Alleato e la Repubblica d'Italia erano " incompatibili con lo status del Territorio Libero di Trieste " e di renderli " nulli " . Ma, alla riunione 354 del 19 agosto 1948, il progetto di risoluzione presentato dal rappresentante della Jugoslavia veniva respinto con due voti a favore, nessuno contrario , e con nove astensioni. Ciò a significare come la questione Trieste, già in quel tempo, creava certamente imbarazzo e probabilmente vi era la convinzione della violazione degli accordi internazionali, ma il predominio delle forze Alleate era talmente consolidato che opporsi al loro volere significava rischi elevati a livello diplomatico e non solo. D'altronde la mancata nomina del Governatore a Trieste si poneva in questa ottica.  Insomma la partita a scacchi che ha riguardato Trieste, sin dalla fine delle seconda guerra mondiale, oggi ancora viva, ha anticipato de facto la guerra fredda che oggi, nella primavera 2014, sembra essere ritornata con prepotenza all'attenzione mondiale e non solamente per i fatti della Crimea.


Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …