Passa ai contenuti principali

La pietra miliare di Barcola, 1180 km tra Trieste e Berlino



Recandosi verso Miramar,a Trieste, nel bel mezzo della strada, sorge una pietra miliare, che riporta come simbolo l'orso verde ed inciso in rosso Trieste Berlino 1180 km. Ma sussistono dubbi sulla vera origine di quella pietra. Come è noto, l'attuale strada costiera, è stata aperta al traffico tra il 1928 ed il 1929, anche se la data certa di inaugurazione è il 16 agosto 1928. E le prime immagini dell'Istituto Luce risalgono al 1932.
Durante il fascismo vi era l'abitudine di collocare, da Nord a Sud, senza dimenticare le strade dell'Impero, pietre miliari che spesso riportavano la progressiva chilometrica dall'inizio della strada ivi considerata , la denominazione della strada ed in alto la sigla A.A.S.S Azienda Autonoma Statale della Strada , nata grazie all'impulso derivato dalla legge Carnazza. Legge che istituiva la divisione in classi delle strade che componevano la rete viaria nazionale. La società AASS si sarebbe dovuta occupare della rete delle strade di prima classe, ma in verità vennero affidate alla stessa anche strade di seconda o di terza classe. Insomma il fascismo, con il suo noto e spesso dagli effetti altamente repressivi, richiamo alla romanizzazione d'Italia, impose la diffusione di una tradizione ben affermata nel vecchio Impero Romano.

Perché Trieste e Berlino?

L'Italia con la Germania ha avuto tre periodi significativi di rapporti. L'Intesa stipulata nel 24 ottobre 1936, il patto del maggio 1939, dopo la conferenza di Monaco, il così detto Patto d'acciaio ed infine il periodo del così detto Litorale Adriatico. Quella pietra ben poteva essere stata collocata, ovviamente con altri simboli, e non con l'orso che è il simbolo di Berlino e secondo alcuni il nome della città deriverebbe proprio dalla parola tedesca Bärlein, che significa "orsetto", per altri invece “Berlino” deriva dalla parola slava berl, ovvero "palude", in concomitanza con l'Asse Roma Berlino o con il patto d'Acciaio, che seguivano da pochi  anni l'inaugurazione della strada costiera. Anche, se a dire il vero,  alcune fonti sembrano volere la collocazione di quella pietra miliare proprio durante il periodo della terribile occupazione tedesca, tra il 1943 ed il 1945. Sembra anche che la pietra miliare, così come oggi la vediamo e conosciamo, venne collocata nel 1962 e nel 1963 a Berlino venne inaugurata una strada “triestina” a Zehlendorf sud. A Zehlendorf esiste il cimitero militare italiano della 2^ G.M   e raccoglie i resti di 1265 italiani in gran parte ex internati nei campi di concentramento del III. Reich, e vi sono anche civili. Certo, la distanza oggi esistente tra Trieste e Berlino non è più di 1180 km,  in linea d' aria è 765.3 km e 1.082 km in automobile, in ogni caso, sarebbe il caso di collocare in loco, anche un cippo, od una targa, che possa spiegare l'origine certa di quella pietra miliare, perché dietro quella pietra vi è tanta storia,storia che non deve essere rimossa e che deve essere conosciuta.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …