Passa ai contenuti principali

La pietra miliare di Barcola, 1180 km tra Trieste e Berlino



Recandosi verso Miramar,a Trieste, nel bel mezzo della strada, sorge una pietra miliare, che riporta come simbolo l'orso verde ed inciso in rosso Trieste Berlino 1180 km. Ma sussistono dubbi sulla vera origine di quella pietra. Come è noto, l'attuale strada costiera, è stata aperta al traffico tra il 1928 ed il 1929, anche se la data certa di inaugurazione è il 16 agosto 1928. E le prime immagini dell'Istituto Luce risalgono al 1932.
Durante il fascismo vi era l'abitudine di collocare, da Nord a Sud, senza dimenticare le strade dell'Impero, pietre miliari che spesso riportavano la progressiva chilometrica dall'inizio della strada ivi considerata , la denominazione della strada ed in alto la sigla A.A.S.S Azienda Autonoma Statale della Strada , nata grazie all'impulso derivato dalla legge Carnazza. Legge che istituiva la divisione in classi delle strade che componevano la rete viaria nazionale. La società AASS si sarebbe dovuta occupare della rete delle strade di prima classe, ma in verità vennero affidate alla stessa anche strade di seconda o di terza classe. Insomma il fascismo, con il suo noto e spesso dagli effetti altamente repressivi, richiamo alla romanizzazione d'Italia, impose la diffusione di una tradizione ben affermata nel vecchio Impero Romano.

Perché Trieste e Berlino?

L'Italia con la Germania ha avuto tre periodi significativi di rapporti. L'Intesa stipulata nel 24 ottobre 1936, il patto del maggio 1939, dopo la conferenza di Monaco, il così detto Patto d'acciaio ed infine il periodo del così detto Litorale Adriatico. Quella pietra ben poteva essere stata collocata, ovviamente con altri simboli, e non con l'orso che è il simbolo di Berlino e secondo alcuni il nome della città deriverebbe proprio dalla parola tedesca Bärlein, che significa "orsetto", per altri invece “Berlino” deriva dalla parola slava berl, ovvero "palude", in concomitanza con l'Asse Roma Berlino o con il patto d'Acciaio, che seguivano da pochi  anni l'inaugurazione della strada costiera. Anche, se a dire il vero,  alcune fonti sembrano volere la collocazione di quella pietra miliare proprio durante il periodo della terribile occupazione tedesca, tra il 1943 ed il 1945. Sembra anche che la pietra miliare, così come oggi la vediamo e conosciamo, venne collocata nel 1962 e nel 1963 a Berlino venne inaugurata una strada “triestina” a Zehlendorf sud. A Zehlendorf esiste il cimitero militare italiano della 2^ G.M   e raccoglie i resti di 1265 italiani in gran parte ex internati nei campi di concentramento del III. Reich, e vi sono anche civili. Certo, la distanza oggi esistente tra Trieste e Berlino non è più di 1180 km,  in linea d' aria è 765.3 km e 1.082 km in automobile, in ogni caso, sarebbe il caso di collocare in loco, anche un cippo, od una targa, che possa spiegare l'origine certa di quella pietra miliare, perché dietro quella pietra vi è tanta storia,storia che non deve essere rimossa e che deve essere conosciuta.


Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …