Passa ai contenuti principali

E' legittimo il licenziamento verso i lavoratori che protestando compromettono il vincolo fiduciario


Alcuni operai, una volta appresa la notizia del prolungamento della loro collocazione in CIGS ed a zero ore, decidono di intraprendere la classica iniziativa di protesta. Entrano nella fabbrica, raggiungono il tetto dell'opificio ma percorrendo un trave lunga circa duecento metri, sostando su di una pedana a circa 10 metri di altezza dal suolo costringendo dunque l'azienda a bloccare per tutta la notte la linea di produzione. Gran coraggio, pur di far sentire la loro voce. Probabilmente è stata l'estrema ratio, figlia della paura di perdere il lavoro, figlia di una politica che non è riuscita ad intervenire per evitare il procrastinarsi di situazioni intollerabili e di gran stress emotivo ed esistenziale, a determinare quell'azione di lotta. I fatti accadevano in Campania e nel 2003.
Ma poco importa.
I lavoratori venivano licenziati per giusta causa,in relazione al comportamento attuato.
 E la Cassazione, con la sentenza n. 6328 del 19 marzo 2014, ha ricordato che "la giusta causa di licenziamento, quale fatto "che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto", configura una norma elastica, in quanto costituisce una disposizione di contenuto precettivo ampio e polivalente destinato ad essere progressivamente precisato, nell'estrinsecarsi della funzione nomofilattica della Corte di Cassazione, fino alla formazione del diritto vivente mediante puntualizzazioni, di carattere generale ed astratto, come si legge in questo link( studio cataldi quotidiano giuridico). E precisava che il "lavoratore che provochi all'azienda grave nocumento morale o materiale, o che compia, in connessione con lo svolgimento del rapporto di lavoro, azioni che costituiscono delitto a termine di legge", ed in particolare (lett. e) per il compimento di "azioni che implichino pregiudizi all'incolumità delle persone o alla sicurezza degli impianti", evidenziando la riconducibilità dei fatti contestati alle predette ipotesi quanto all'ingresso in azienda invito domino; al pregiudizio all'incolumità propria e dei colleghi posti nel reparto stampaggio (come emerso dall'istruttoria), in parte sottostante alla posizione dei ricorrenti; alla violazione del diritto dell'imprenditore all'esercizio della sua attività produttiva (che risultò in parte sospesa per ragioni di sicurezza); ha quindi correttamente ritenuto che pur nell'ambito di una protesta il comportamento aveva assunto inammissibili contorni antigiuridici, violando comunque, anche per la lunga durata dell'azione, irrimediabilmente il rapporto fiduciario, ritenendo pertanto legittimo il licenziamento anche sotto il profilo della proporzionalità, evidenziando correttamente l'irrilevanza di un eventuale danno per l'azienda". Dunque ritorna con insistenza la questione del rapporto fiduciario, principio generico, talmente generico che ben può prestarsi ad azioni espulsive come il caso ora considerato; principio  che lentamente trova affermazione anche nel rapporto del pubblico impiego e se  viene abbinato alle lotte, alle proteste, alle occupazioni delle fabbriche, diventa arma letale e legittimata anche dalla giurisprudenza. Negli anni che hanno portato allo Statuto dei lavoratori una sentenza del genere sarebbe stata impensabile, ora invece non fa neanche notizia. Quali armi democratiche hanno i lavoratori per lottare? Per far sentire la propria voce? E' normale che l'occupazione della fabbrica od iniziativa similare comporti una sospensione dell'attività produttiva così come è normale che il vincolo fiduciario venga meno reciprocamente, e quasi sempre non per volere del lavoratore, ma sono situazioni che devono necessariamente essere contestualizzate specialmente in tempo di crisi economica, ed ancor di più quando si opera in terre difficili, situazioni che dovrebbero comportare una causa di giustificazione. Ma così non è per i lavoratori, così è per i datori di lavoro i quali, con questa sentenza pesantissima per i suoi effetti futuri, specialmente se avrà seguito, condizionerà per forza di cose anche il modus operandi delle e nelle lotte. Questa sentenza rappresenta bene la situazione di una parte della giurisprudenza italiana, d'altronde il diritto è elastico nella sua interpretazione e può a volte irrigidirsi nella sua elasticità per impedire azioni di lotta che possano compromettere l'immagine ed il buon nome padronale ed intimorire i lavoratori. Non è detto che questo pronunciamento avrà seguito, ma è certamente una sentenza di Cassazione e non di un mero Tribunale di merito, e ciò deve indurre seriamente alla riflessione.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …