Passa ai contenuti principali

Trieste: L'Ursus non è monumento nazionale ma “solo” bene culturale?



Cent'anni di storia, di lotte, di rischi e contese, tra fughe ed immobilismi, l'Ursus, festeggia in questo 2014 il centenario del suo primo varo. Come è noto attualmente è ormeggiato nei pressi del Molo IV, nel 2011 in città dilagava come un fiume in piena la bella notizia che sarebbe divenuto monumento nazionale, uno dei 60.000 monumenti italiani, protetti e tutelati dal competente ministero e finanziato anche dallo Stato per divenire il simbolo di un secolo, di una Città che ha visto crescere la propria attività portuale e non solo proprio grazie al gigante del mare. Ma facendo una ricerca in rete, con tutte le valutazioni ovvie del caso, l'Ursus non risulterebbe essere mai stato dichiarato monumento nazionale. A Trieste risultano solo tre monumenti nazionali adottati con appositi provvedimenti normativi, il DPR, e sono la foiba di Basovizza di Monrupino( nei confronti delle quali esistono dubbi non ritrovandosi le fonti normative) e la Risiera di San Sabba. La circolare 13 del 5.6.2012 del Ministero per i beni e le Attività Culturali afferma,tra le varie cose, in tema di monumenti nazionali, che


 “agli atti con il quale si è provveduto a definire alcuni siti,immobili, come monumenti nazionali tramite il DPR , si riconosce solo valenza simbolica e una rilevanza confinata solo sul piano strettamente politico (…) che però ad essi non può farsi discendere alcun alcun effetto giuridico. Dunque servirebbe un provvedimento di rango primario affinchè l'URSUS possa essere riconosciuto a tutti gli effetti e non solo simbolico, come monumento nazionale. Cosa che ad oggi non mi pare sia avvenuta. Ed allora se l'Ursus non è monumento nazionale, mancando a quanto pare il provvedimento di fonte normativa primaria, che non può essere un semplice DPR, probabilmente rientra nella categoria dei beni culturali. Il Codice dei beni culturali all'articolo 54 comma 1 b afferma che gli immobili dichiarati monumenti nazionali ai termini della normativa all'epoca vigente, sono considerati inalienabili, all'articolo 129 che sono fatte salve le leggi aventi ad oggetto singole città o parti di esse, complessi architettonici, monumenti nazionali, siti od aree di interesse storico, artistico od archeologico. Ma l'URSUS non rientrerebbe in nessuna di queste categorie, stante la mancata previsione normativa di definizione di monumento nazionale. Ed allora rientrerebbe nell'articolo 10 comma 3 b del citato Codice dei beni culturali, "le cose immobili e mobili, a chiunque appartenenti, che rivestono un interesse particolarmente importante a causa del loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dell'arte, della scienza, della tecnica, dell'industria e della cultura in genere, ovvero quali testimonianze dell'identità e della storia delle istituzioni pubbliche, collettive o religiose" , sono definite beni  di interesse culturale  con tutte le tutele del caso. Dunque se quanto ho ora rilevato dovesse corrispondere alla situazione vigente, l'Ursus non può essere definito monumento nazionale, non è stato dichiarato come tale( non conoscendosi l'atto legislativo di definizione) e non può neanche più essere dichiarato come tale, salvo intervento tramite fonte primaria legislativa, ma è un semplice, pur importante,bene culturale, che merita in ogni caso rispetto e tutela.



Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …