Passa ai contenuti principali

La politica 2.0 e la rincorsa alla notizia



Non fai in tempo a leggere il giornale appena comprato in qualche edicola, o sfogliato in qualche bar, che le notizie lì riportate sono semplicemente vecchie.
Se un tempo si attendeva il giornale del giorno successivo per le canoniche repliche, rettifiche, oggi queste arrivano in tempo reale tramite i social network, twitter, facebook.
Giornali e telegiornali sono costretti a rincorrere le notizie nel mondo 2.0.
Non è più necessario intervistare un politico per conoscere il suo pensiero, basta andare sulla sua pagina facebook o twitter per comprendere ciò che un tempo era dato sapere solo tramite il classico taccuino del giornalista.
I giornali e le televisioni, dipendono da internet, dalle informazioni che circolano in rete, spesso sono semplicemente un rilancio di notizie già apparse da tempo nei blog od in rete.
Chi si collega su repubblica.it non è detto che si collegherà anche su corriere.it e così via discorrendo, ma oggi la vera informazione più che nei giornali o siti internet ad esso collegati, circola in molti blog indipendenti, siti internet di approfondimento, quell'approfondimento che la stampa ancora non vuole effettuare.
D'altronde il potere della stampa oggi è ancora predominante specialmente per una buona fetta dell'elettorato che su internet proprio non ci va o non può accedere.
Se un blog denuncia una qualsiasi cosa, e una qualsiasi cosa circola in rete, non sarà notizia, ma lo diventerà solo se verrà rilanciata dalla stampa e come è noto la stampa lancia e rilancia solo ciò che viene valutato come “opportuno”.
Insomma televisione, stampa ed internet devono essere complementari, se televisione e stampa continueranno a camminare sulla propria strada non comprenderanno più la reale società che è quella che oggi corre e scorre nella virtualità di internet che a volte è più reale della stessa realtà vissuta e percepita all'esterno di un qualsiasi computer.
Ed ovviamente la politica verrà trascinata in questa non comprensione se continuerà a considerare come unico termometro della realtà sociale e politica la tradizionale stampa e dunque sarà sempre più lontana dalla realtà delle cose vissute e che verranno.
La politica 2.0 ad oggi è molto autoreferenziale, ad oggi è più un canale di sfogo, di attacchi che di reale partecipazione, anche perché le regole spesso rischiano proprio di limitare quella particolarità che è di internet ovvero la libertà di osare.
In internet vige una regola non scritta, che spesso sfocia in insulto ed offese, quella della libertà estrema del proprio pensiero. Le persone non comprendono che insultare ed offendere in rete è come insultare ed offendere per strada, anzi peggio perché la rete lascia una cyber-immortale traccia.
Nella rete si è più liberi di essere, ed è certamente un polso importante per comprendere la velocità delle emozioni, sensazioni, passioni ma anche semplice incazzature che la persona qualunque non lascerebbe trapelare per le vie della propria città .
La società imprigionata nella pseudo-libertà della rete dimostra che oggi è necessario un cambio generazionale alla guida di questo Paese, occorrono nuove idee, nuovi progetti, fino a quando continueranno ad essere protagonisti nella vita politica i soliti soggetti, che possono riciclarsi in una miriade di realtà, fondare nuovi partiti e movimenti, che rincorrono la tecnologia per apparire moderni, non saranno mai moderni, non conosceranno e comprenderanno mai la nuova generazione perché sono alieni a questo nuovo mondo che avanza.
Continuerete a rincorrere l'apparenza ma non diventerete mai ciò che non potete essere e prima o poi lo specchio della vostra autoreferenzialità, per quanto sostenuta dal potere, andrà in frantumi e con esso anche voi.



Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…