Passa ai contenuti principali

La politica 2.0 e la rincorsa alla notizia



Non fai in tempo a leggere il giornale appena comprato in qualche edicola, o sfogliato in qualche bar, che le notizie lì riportate sono semplicemente vecchie.
Se un tempo si attendeva il giornale del giorno successivo per le canoniche repliche, rettifiche, oggi queste arrivano in tempo reale tramite i social network, twitter, facebook.
Giornali e telegiornali sono costretti a rincorrere le notizie nel mondo 2.0.
Non è più necessario intervistare un politico per conoscere il suo pensiero, basta andare sulla sua pagina facebook o twitter per comprendere ciò che un tempo era dato sapere solo tramite il classico taccuino del giornalista.
I giornali e le televisioni, dipendono da internet, dalle informazioni che circolano in rete, spesso sono semplicemente un rilancio di notizie già apparse da tempo nei blog od in rete.
Chi si collega su repubblica.it non è detto che si collegherà anche su corriere.it e così via discorrendo, ma oggi la vera informazione più che nei giornali o siti internet ad esso collegati, circola in molti blog indipendenti, siti internet di approfondimento, quell'approfondimento che la stampa ancora non vuole effettuare.
D'altronde il potere della stampa oggi è ancora predominante specialmente per una buona fetta dell'elettorato che su internet proprio non ci va o non può accedere.
Se un blog denuncia una qualsiasi cosa, e una qualsiasi cosa circola in rete, non sarà notizia, ma lo diventerà solo se verrà rilanciata dalla stampa e come è noto la stampa lancia e rilancia solo ciò che viene valutato come “opportuno”.
Insomma televisione, stampa ed internet devono essere complementari, se televisione e stampa continueranno a camminare sulla propria strada non comprenderanno più la reale società che è quella che oggi corre e scorre nella virtualità di internet che a volte è più reale della stessa realtà vissuta e percepita all'esterno di un qualsiasi computer.
Ed ovviamente la politica verrà trascinata in questa non comprensione se continuerà a considerare come unico termometro della realtà sociale e politica la tradizionale stampa e dunque sarà sempre più lontana dalla realtà delle cose vissute e che verranno.
La politica 2.0 ad oggi è molto autoreferenziale, ad oggi è più un canale di sfogo, di attacchi che di reale partecipazione, anche perché le regole spesso rischiano proprio di limitare quella particolarità che è di internet ovvero la libertà di osare.
In internet vige una regola non scritta, che spesso sfocia in insulto ed offese, quella della libertà estrema del proprio pensiero. Le persone non comprendono che insultare ed offendere in rete è come insultare ed offendere per strada, anzi peggio perché la rete lascia una cyber-immortale traccia.
Nella rete si è più liberi di essere, ed è certamente un polso importante per comprendere la velocità delle emozioni, sensazioni, passioni ma anche semplice incazzature che la persona qualunque non lascerebbe trapelare per le vie della propria città .
La società imprigionata nella pseudo-libertà della rete dimostra che oggi è necessario un cambio generazionale alla guida di questo Paese, occorrono nuove idee, nuovi progetti, fino a quando continueranno ad essere protagonisti nella vita politica i soliti soggetti, che possono riciclarsi in una miriade di realtà, fondare nuovi partiti e movimenti, che rincorrono la tecnologia per apparire moderni, non saranno mai moderni, non conosceranno e comprenderanno mai la nuova generazione perché sono alieni a questo nuovo mondo che avanza.
Continuerete a rincorrere l'apparenza ma non diventerete mai ciò che non potete essere e prima o poi lo specchio della vostra autoreferenzialità, per quanto sostenuta dal potere, andrà in frantumi e con esso anche voi.



Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…