Passa ai contenuti principali

Riesplode il caso Palatucci



A Trieste, in via Giovanni Palatucci 5( ex Ratto della Pileria, ove ratto, dal dialetto "rato" solo a Trieste significa salita ripida e non ratto nel senso di roditore)si trova la Risiera di San Sabba che nel 1965 fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della Repubblica.
Ratto della Pileria...

www.laputa.it/denominazioni-urbanistiche-generiche/ © LAPUTA
L’uso della denominazione “ratto” è documentata nella toponomastica triestina sin dal 1910 con “Ratto della Pileria...

www.laputa.it/denominazioni-urbanistiche-generiche/ © LAPUsi trova la Risiera di San Sabba che nel 1965 fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della RepubblicaEbbene, tra la via Palatucci e la Risiera di San Sabba rischia di emergere una incompatibilità a dir poco enorme
Ebbene tra la via Palatucci e la Risiera di San Sabba rischia di emergere una incompatibilità a dir poco enorme.
Sul Corriere della Sera un articolo di Alessandra Farkas pone in discussione la figura di Giovanni Palatucci, funzionario della polizia italiana, indicato in molte targhe in via erronea come Questore ma in realtà lui fu vice commissario aggiunto, e morì il 10 febbraio 1945, nel lager di Dachau, dove era stato rinchiuso dai nazisti. Dopo l'apertura di beatificazione e il memoriale della Shoah di Yad Vashem, in Israele, che lo ha nominato nel 1990 Giusto tra le nazioni per la sua opera a favore degli ebrei perseguitati, il tutto sembra essere destinato ad un ribaltamento. La verità, o verità presunta tale, a livello mediatico, storico e pseudo istituzionale emerge solo ora, nonostante sono anni che si denunciano delle forzature sulla figura di Palatucci, una sorta di eroe, probabilmente perché la politica in passato aveva bisogno di un Palatucci eroe, così come le istituzioni per dimostrare che nel periodo buio non tutti gli addetti alle questure furono collaborazionisti, prima di ogni verità storica degna di tal nome ma quando gli studi di vari ricercatori e storici si sono incrociati ed hanno trovato il giusto canale di ascolto e giusto appoggio politico, quando non si può più celare la verità, ecco la società essere costretta a ritornare, in qualche modo, su quella che sembra essere la retta via.
Sarebbero infatti emerse delle “novità”, certamente tali per la comune opinione pubblica a dir poco rilevanti che si pongono in linea con quanto già denunciato in passato da Marco Coslovich il quale in una intervista con Alessandro Cassin ricordava, tra le varie cose, che “Se Palatucci avesse salvato anche un solo ebreo già varrebbe la pena ricordarlo. Purtroppo nel suo caso il ricordo è stato sommerso dall’enfasi, l’esagerazione, la retorica e la falsificazione. Tutto questo rende oggi quasi impenetrabile la sua reale figura storica”.

Il Corriere della Sera, ma anche Repubblica, ricorda che il Museo dell'Olocausto di Washington ha tolto il materiale su Palatucci da una mostra riguardante i non ebrei che aiutarono, o al contrario denunciarono, le persone prese di mira dai nazisti per motivi razziali. Anche Yad Vashem ha deciso di riaprire la pratica e il Vaticano, secondo quanto riferisce il «New York Times» intende approfondire la questione. Inoltre la Lega antidiffamazione, organizzazione che combatte l'antisemitismo, non premierà più ufficiali di polizia con un riconoscimento intitolato a Palatucci.

Si denuncia che dagli archivi si scopre un Palatucci sì funzionario di pubblica sicurezza presso la Questura di Fiume dal 1937 al 1944, dove era addetto all’ufficio stranieri ove si occupò dei censimenti dei cittadini ebrei ma proprio sotto la sua reggenza la percentuale di ebrei deportati da Fiume fu tra le più alte d’Italia, insomma Palatucci era un collaborazionista?


Chi di dovere conferisca una risposta quanto prima, perché se quanto denunciato dovesse corrispondere al vero, si dovrà ovviamente intervenire e per esempio via Giovanni Palatucci, ove si trova la Risiera di San Sabba, dovrà cambiare certamente nome così come dovrà essere rivista la cerimonia alla lapide che nelle carceri del Coroneo ricorda la prigionia di Giovanni Palatucci ricordato come 'giusto tra le nazioni', 'servo di Dio' e 'medaglia d'oro al merito civile' per aver salvato la vita a piu' di 5 mila ebrei... Il prossimo passo certamente riguarderà altre vicende legate alla lunga e controversa ma anche esasperata storia del confine orientale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …