Passa ai contenuti principali

Sapore d'estate in città




Catturato dall'amo Trieste, in un giorno qualunque di una estate sempre più calda ma anche semplicemente estiva, capita di svegliarti alle prime ore del mattino, con un sole in realtà già ben piazzato oltre le alture carsiche e ritrovarti nella Montevideo degli anni trenta.
Persone vestite con abiti tipici degli anni trenta, vedrai bandiere dell'Uruguay sventolare dall'imponente palazzo della Prefettura triestina e poliziotti con divise color nero stile fascista osservare la folle urlare football football.
Partigiani, partigiani dove siete?
Questo penserai.
Ma sarà anche divertente vivere a livello visivo un tuffo nel passato.
Nessuno effetto del gran ed ordinario caldo, nessuno effetto di droga o astinenza da sigaretta, niente di tutto ciò.
Solo un set cinematografico, l'ennesimo in città, poco pubblicizzato rispetto per esempio al gran richiamo che ha avuto in Trieste la presenza di stars di Hollywood per girare alcune scende del film di LadyD presso lo storico Caffè degli Specchi diventato per l'occasione l' Hotel Ritz di Parigi e nell’hotel Savoia.
Montevideo a Trieste, regia serba, e la vita continua.
Decidi di recarti in tal giornata alla Diga di Trieste, conosciuta ora come l'isola di Trieste.
Ti imbarchi su una piccola navetta, sfiderai le acque agitate del golfo triestino, con il mare che accarezza il tuo viso senza mai bagnarti ed osserverai da una nuova prospettiva la grandezza dell'Ursus, ma anche l'ancora gigante che domina la punta dell'isola tutta triestina.
Un caffè nero volante, il tempo di leggere il quotidiano locale, un tiro di sigaretta, abbracciando il vero amo della vita, e si ritorna in città.
Città d'estate.
Tra chi corre nella vicina Muggia, per vari interminabili minuti che formeranno l'ora della competizione, tra chi nota la pulizia della città, in effetti in questo momento più pulita del solito per l'operazione pulizia turistica, e chi inizia i lavori per la realizzazione del contestato ponte sul Canal Grande penserai che in questo caso se pol.
Critiche o non critiche, bellezza o non bellezza, la passerella presto diventerà realtà.
Vedrai cambiare la frequenza di vita in città,come una radio sintonizzata alla perfezione con i ritmi generazionali di una società sempre più omologata e standardizzata,  la mattina tante persone anziane in cerca del giornale o di qualche amica o amico per far due chiacchiere, i soliti lavoratori che ancora non vivranno le ferie, per arrivare nel tardo pomeriggio all'invasione di quei giovani, rientrati da Barcola o dalla costiera, per condividere il sapore d'estate nel centro Città.
Amo Trieste, diventata in un giorno di questo secolo, il mio amo urbano ed umano.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …