Passa ai contenuti principali

Ingroia in Guatemala? Né fuga, né punizione




La nostra società è malata, vive nel culto della spettacolarizzazione.
Penso per esempio all'ultima operazione realizzata dalla Polizia di Palermo, con tanto di foto e video che riprendono l'arresto di due presunti trafficanti di armi.
Uno si potrebbe chiedere ma chi li ha chiamati i fotografi?
Perché erano lì già piazzati prima ancora dell'arresto?
Perché spettacolizzare l'arresto?
Perché emuliamo il sistema fallimentare americano.
Stesso discorso lo si deve estendere nell'ambito della magistratura.
Antonio Ingroia, il procuratore aggiunto diventato uno dei simboli dell'antimafia, si è esposto.
Si è esposto, seguendo gli insegnamenti di Borsellino, si è esposto per allertare l'opinione pubblica.
E' diventato il simbolo mediatico della lotta alla mafia a Palermo, così come Di Pietro lo era per mani pulite, per esempio.
Frasi e tensioni, atti e registrazioni hanno contribuito ad alimentare una sorta di guerra tra apparati dello Stato.
Una guerra che rischia di compromettere quella serenità che deve avvolgere chi studia gli atti, chi indaga, chi contrasta il sistema mafioso politico italiano.
Tutto ciò ultimamente è venuto meno.
Il 2013 sarà per l'Italia l'anno dove si svolgeranno le elezioni politiche e non solo.
Ingroia con la sua presenza e la sua esposizione rischia di compromettere l'ordinario cammino dei processi contro la mafia politica.
Il suo incarico in Guatemala, che potrebbe durare anche più degli auspicati 365 giorni, non è né una fuga né una punizione.
E' un gesto che aiuterà i suoi colleghi a condurre serenamente e senza esposizione mediatica i processi giudiziari contro quello Stato che ha causato la morte di Falcone e Borsellino e di tanti altri esseri umani.
La prima sensazione emotiva che ho maturato, quando ho appreso tale notizia, è stata quella di una realizzazione piena di una punizione.
Punito per aver osato.
Punito per aver affrontato lo Stato malato e fedele alla società mafiosa.
Ma riflettendoci, mi sento di affermare che la sua non è una punizione vera e propria, né una fuga, ma una sorta di allontanamento consapevole con un fine più grande, salvaguardare la lotta alla mafia politica italiana, che, nonostante tutto, continuerà e non si arresterà nei processi mediatici di questa società.

Commenti

  1. Indice di questa edizione Demo rivolta Giudaica comincia a pag 121 | Caval LETTA Jere vendè I TAL YA satelliti ai Bin Laden | W TRI boom gemelli tutti stessa ARCA sanza Israel guerre Gog Magog Demagog SOS Movisol mafia glocal antisemit ISM CFR MAR Comune SIBIA LIRIA troviam GAUDIO W Bergamo Città dei mille sbarchi in TUNICILIA . Rev Moon Ovadia CFR vuole inevitabile LEVI tabile Massimo FiniMondo W Scienza libera pedali ai troni fanno Ciclotroni : W Squinzi Noè Era Ora Artsenu
    KO mafia TAV scorie w Trivoluzione ECAT Fusione Fredda Refluopetrolio mejo de vermo valori zzatori LEVI tazione MagLEV mejo de TAV W TRI boom Solar Spray W Kitegen stratosf Eolico Massimo Ippolito Grifo mejo de tera torri mostri | London Istan capitale della Siria ASSAD anata |nel 2012 UBS Morgan banca di Hitler sempre più GLOBO pladrona .Ma connette la Svizzera ? Carla Del Ponte Mente ENI raffinatissima Eva Peron Braun | SOS Gerusalemme 3° bersaglio Roma il 2° Mecca il PRIMO | Trattatello molchita di geopolitica | http://www.radicali.it/contenuto/mozioni-particolari-comitato-27-29-luglio-2012 | |_
    INDICE sragionato :

    p 1 : mafia TV SCORIE KO nuovi sbarchi Tunicilia FUSIONE FREDDA , Refluopetrolio , LEVI tazione magnetica MagLEV : fine ricatti petrolio Hormuz .
    Capovolgi ONU stop onan ISM CFR W Nunismo democrazia GLOCAL .
    W libera Scienza . Banca di Hitler sempre più pladrona del Mondo : Pavia HQ quartier Generale MALA NDRINA Rublodotto Veltri Veltrusconi Edizioni del Veltro .

    p 2 : ANELLO piazza Fontana ANNIE DI PIOMBO nomi e cognomi . . .
    p 117 Qualcuno ha venduta ai Bin Laden l’ I TAL YA coi nostri satelliti tutti |_


    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …