Passa ai contenuti principali

Ingroia in Guatemala? Né fuga, né punizione




La nostra società è malata, vive nel culto della spettacolarizzazione.
Penso per esempio all'ultima operazione realizzata dalla Polizia di Palermo, con tanto di foto e video che riprendono l'arresto di due presunti trafficanti di armi.
Uno si potrebbe chiedere ma chi li ha chiamati i fotografi?
Perché erano lì già piazzati prima ancora dell'arresto?
Perché spettacolizzare l'arresto?
Perché emuliamo il sistema fallimentare americano.
Stesso discorso lo si deve estendere nell'ambito della magistratura.
Antonio Ingroia, il procuratore aggiunto diventato uno dei simboli dell'antimafia, si è esposto.
Si è esposto, seguendo gli insegnamenti di Borsellino, si è esposto per allertare l'opinione pubblica.
E' diventato il simbolo mediatico della lotta alla mafia a Palermo, così come Di Pietro lo era per mani pulite, per esempio.
Frasi e tensioni, atti e registrazioni hanno contribuito ad alimentare una sorta di guerra tra apparati dello Stato.
Una guerra che rischia di compromettere quella serenità che deve avvolgere chi studia gli atti, chi indaga, chi contrasta il sistema mafioso politico italiano.
Tutto ciò ultimamente è venuto meno.
Il 2013 sarà per l'Italia l'anno dove si svolgeranno le elezioni politiche e non solo.
Ingroia con la sua presenza e la sua esposizione rischia di compromettere l'ordinario cammino dei processi contro la mafia politica.
Il suo incarico in Guatemala, che potrebbe durare anche più degli auspicati 365 giorni, non è né una fuga né una punizione.
E' un gesto che aiuterà i suoi colleghi a condurre serenamente e senza esposizione mediatica i processi giudiziari contro quello Stato che ha causato la morte di Falcone e Borsellino e di tanti altri esseri umani.
La prima sensazione emotiva che ho maturato, quando ho appreso tale notizia, è stata quella di una realizzazione piena di una punizione.
Punito per aver osato.
Punito per aver affrontato lo Stato malato e fedele alla società mafiosa.
Ma riflettendoci, mi sento di affermare che la sua non è una punizione vera e propria, né una fuga, ma una sorta di allontanamento consapevole con un fine più grande, salvaguardare la lotta alla mafia politica italiana, che, nonostante tutto, continuerà e non si arresterà nei processi mediatici di questa società.

Commenti

  1. Indice di questa edizione Demo rivolta Giudaica comincia a pag 121 | Caval LETTA Jere vendè I TAL YA satelliti ai Bin Laden | W TRI boom gemelli tutti stessa ARCA sanza Israel guerre Gog Magog Demagog SOS Movisol mafia glocal antisemit ISM CFR MAR Comune SIBIA LIRIA troviam GAUDIO W Bergamo Città dei mille sbarchi in TUNICILIA . Rev Moon Ovadia CFR vuole inevitabile LEVI tabile Massimo FiniMondo W Scienza libera pedali ai troni fanno Ciclotroni : W Squinzi Noè Era Ora Artsenu
    KO mafia TAV scorie w Trivoluzione ECAT Fusione Fredda Refluopetrolio mejo de vermo valori zzatori LEVI tazione MagLEV mejo de TAV W TRI boom Solar Spray W Kitegen stratosf Eolico Massimo Ippolito Grifo mejo de tera torri mostri | London Istan capitale della Siria ASSAD anata |nel 2012 UBS Morgan banca di Hitler sempre più GLOBO pladrona .Ma connette la Svizzera ? Carla Del Ponte Mente ENI raffinatissima Eva Peron Braun | SOS Gerusalemme 3° bersaglio Roma il 2° Mecca il PRIMO | Trattatello molchita di geopolitica | http://www.radicali.it/contenuto/mozioni-particolari-comitato-27-29-luglio-2012 | |_
    INDICE sragionato :

    p 1 : mafia TV SCORIE KO nuovi sbarchi Tunicilia FUSIONE FREDDA , Refluopetrolio , LEVI tazione magnetica MagLEV : fine ricatti petrolio Hormuz .
    Capovolgi ONU stop onan ISM CFR W Nunismo democrazia GLOCAL .
    W libera Scienza . Banca di Hitler sempre più pladrona del Mondo : Pavia HQ quartier Generale MALA NDRINA Rublodotto Veltri Veltrusconi Edizioni del Veltro .

    p 2 : ANELLO piazza Fontana ANNIE DI PIOMBO nomi e cognomi . . .
    p 117 Qualcuno ha venduta ai Bin Laden l’ I TAL YA coi nostri satelliti tutti |_


    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…