Passa ai contenuti principali

Il lavoro dei dirigenti comunali è “valutato” dalla politica o dai cittadini?




E' stata recentemente resa nota una comunicazione, considerata come circolare, che il Sindaco di Trieste, ha inviato ai dirigenti comunali e per conoscenza agli assessori della sua giunta, per delle problematiche varie figlie di quelle lamentele, spesso oggetto di strumentalizzazioni politiche, che certamente hanno creato allarme “rosso” nel palazzo “sipario” cittadino.
Il Piccolo di Trieste nella giornata del 30 luglio rendeva noto l' articolato inciso che seguirà, tratto certamente dalla circolare inviata dal Sindaco, ad alcuni dipendenti comunali.
«Visto che ormai è evidente che dobbiamo fare i conti con un’opposizione piuttosto agguerrita su questi aspetti, e talora munita di lente degna del miglior Sherlock Holmes, e tenuto conto soprattutto dell’attenzione che tutti noi dobbiamo al raggiungimento della maggior correttezza amministrativa possibile, colgo l’occasione per raccomandare a tutti la massima attenzione anche a questi aspetti in modo da ridurre, e se possibile eliminare, il rischio di contestazioni, certo eccessive ma comunque spiacevoli soprattutto se talora non del tutto motivate»

Tono morbido, certamente particolare per il carattere che quella comunicazione doveva avere, poco formale, e forse anche romanzesco.
Non capita tutti i giorni di leggere una circolare o comunicazione del sindaco con il richiamo a Sherlock Holmes, direi che probabilmente, essendo personalmente un cultore del non formalismo e della non burocrazia che spesso compromette ogni senso reale di libertà, ho apprezzato il cercare di ricondurre il tutto in una sorta di atmosfera da giallo deduttivo, sono invece rimasto perplesso in merito al fatto che il lavoro dei dirigenti comunali venga valutato dalla politica e non dal reale datore di lavoro quale i cittadini.
Premesso che sono sempre stato critico in merito al concetto di valutazione, chi valuta il soggetto valutante? Quali sono i criteri? Quale etica? rilevo che non può essere la politica a condizionare l'operato del dipendente comunale.
I dirigenti del comune di Trieste, hanno guadagni elevati. Nel sito del Comune di Trieste, si legge nei dati aggiornati al 31 dicembre 2010, che lo stipendio massimo è quello del segretario generale pari ad euro 247.713,68 lorde, per arrivare ad un minimo stipendiale dirigenziale pari ad euro 88 mila circa, sempre lorde.
Gli stipendi dei dirigenti comunali vengono pagati anche grazie alle tasse imposte ai cittadini.
Ed allora l'operato dei dirigenti del comune di Trieste non deve sottostare  esclusivamente alla valutazione e strumentalizzazione della politica, anche se le nomine spesso sono espressione di indirizzi specifici politici e forse questo è il vero nodo della questione, ma ai doveri contrattuali ai diritti contrattuali e se devono rispondere a qualcuno, questo qualcuno si chiama in via prevalente cittadinanza e non certamente l'opposizione o maggioranza politica.
La politica di Palazzo invece deve farsi portavoce delle istanze dei cittadini, ma non strumentalizzare il lavoro dei dipendenti per motivi altri che sembrano condurre l'acqua verso il mulino della politica politichese piuttosto che verso il rispetto del principio del buon andamento dell'amministrazione pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…