Passa ai contenuti principali

Da Piazza delle Cinque Lune a Piazza Montecitorio, la lotta censurata dei docenti della scuola





Non mi perderò in noiose frenesie giuridiche.
Questo è il tempo ove regna sovrana l'incivilita giuridica, espressione senza colore alcuno, di quella società che domina e sovrasta ogni senso di rispetto verso e per l'essere umano.
La Costituzione italiana con i suoi principi fondamentali è stata per alcuni anni della nostra recente storia una sorta di guida sul come normare diritti e rendere la democrazia democratica.
Ma oggi giorno con colpi di penna, anzi di tastiera, sostenuti dalla politica di palazzo, sia essa di sinistra che di destra, complice piena della sofferenza umana che reca a migliaia di persone, si cancellano diritti quesiti, diritti entrati nella sfera giuridica e sociale del lavoratore, diritti diventati il patrimonio sociale del lavoratore.
Mi riferisco alla vicenda dei docenti idonei ad altri compiti.
Uomini e donne, che per gravi, gravissimi problemi di salute, hanno trovato nella contrattazione integrativa nazionale ma anche nella passata e legge, il riconoscimento di una forma di protezione sociale importante.
Continuare a svolgere il proprio lavoro, principalmente nelle biblioteche della scuola, mantenendo il contatto diretto con gli studenti e con la docenza e rimanendo docenti.
Come detto con la spending review si annienta, dopo vari tentativi falliti, questo diritto, costringendo migliaia di persone che soffrono già gravi problemi di salute, perché invalidi, a cambiare d'ufficio lavoro, con il rischio elevato di essere licenziati.
Nello stesso tempo si è alimentata una guerra interna nel mondo della scuola, perché questi lavoratori assunti come docenti, passeranno d'ufficio ad altro profilo professionale, quale quello ATA, andando ad occupare posti destinati ad altri lavoratori precari che da una vita attendevano la stabilizzazione .
Ma il peggio del peggio è dato dal fatto che la maggior parte di queste persone non è nelle condizioni fisiche di sopportare il lavoro nelle segreterie delle scuole.
Insomma una vero accanimento selvaggio da parte di uno stato infedele alla costituzione e fedele a quella freddezza glaciale che rende ogni individuo pedina del sistema e non parte attiva della società.
Questi lavoratori da giorni scioperano, protestano con presidi permanenti sotto il sole cocente di Roma, urlano e gridano alla società italiana questa incredibile ingiustizia, non è giusto è l'unica cosa che ti senti di dire e che sentirai dire, non per demagogia o sterile retorica, ma perché così è.
Ingiusto.
Chiacchiere, dai palazzi arrivano solo chiacchiere e prese in giro, alimentando false speranze ed illusioni.
Queste persone le rispetto, molte di loro le conosco anche di persona, i Cobas hanno sostenuto attivamente questa lotta, una lotta che continua da due anni senza sosta, una lotta che ha provato tutte le strade possibili ed immaginabili, e loro, uomini e donne dalla grande dignità resistono, nonostante tutto.
Questa lotta forse è censurata sia per il gran senso di vergogna che si può provare nel sapere che si approva una norma di simile portata, sia perché forse si teme l'effetto emulazione.
Se queste persone, nonostante i loro problemi gravi di salute, lottano con tale determinazione, è chiaro che ciò potrebbe recare qualche problema alla stabilità del sistema perché potrebbero essere da esempio per migliaia di lavoratori che presto vivranno il licenziamento anche nel pubblico impiego.
Perché se questa norma diventerà legge, e colpirà in tal modo la parte più tutelata della società, non oso pensare cosa accadrà a chi non usufruisce dei benefici per l'invalidità civile o per handicap grave.
Ed allora ecco la censura da parte della grande stampa e grandi media, infatti, salvo i siti internet che si occupano di scuola o qualche breve trafiletto o fugace intervista, questa lotta e questa problematica ai più è sconosciuta.
Ciò è  sintomo di complicità con questo governo politico sostenuto da quella politica che prima o poi verrà chiamata a giudizio.
Chiudo con una frase di Solone, una frase tratta dal film la piazza delle cinque lune, Piazza da dove si eleva un gran voce di dignità, una frase che rappresenta bene l'essenza di questo momento:

"La giustizia è come una tela di ragno : trattiene gli insetti piccoli, mentre i grandi trafiggono la tela e restano liberi".

Video tratto da orizzonte scuola

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…