Passa ai contenuti principali

Cinema e teatro di movimento, a Trieste se pol





Trieste è la Città dove Amleto muterebbe il suo dilemma essere o non essere in se pol o no se pol.
Dipende dai punti di vista.
Si polemizza su tutto, in tutto e con tutto, a volte solo per la semplice voglia di polemizzare e vivere una sorta di gossip critico sociale partecipato, altre volte per visioni non certamente concilianti della società.
Si può discutere così tanto che se una persona assetata ti chiede un bicchiere d'acqua, magari il barista potrebbe perdersi nel dilemma acqua frizzante od acqua naturale, ed intanto il povero passante assetato creperà di sete.
Ma può accadere che quando si ha sete, questa venga dissetata in modo autorganizzato, senza chiedere alcun bicchier d'acqua, il passante si recherà direttamente alla fonte, senza attendere la soluzione al dilemma esistenziale.
Ebbene questo modo di procedere è quello che è in un certo modo accaduto in Città precisamente nella serata del 18 luglio e del 15 luglio dove due appuntamenti di movimento hanno offerto alla città un gran momento di partecipazione.
Partiamo dal 15 luglio dove una rappresentazione del Living Theatre, Non in mio nome, in Piazza della Borsa a Trieste, ha catturato l'attenzione di molti passanti, di molte persone, che andando contro ogni frenesia moderna, hanno imposto un freno al normale celere scorrere del tempo per riflettere, tra balli catartici e spirituali, sulla pena di morte.
Una pena di morte che il 18 luglio ha visto colpire Yokamon Hearn un afroamericano di 34 anni, sottoposto ad iniezione letale in Texas, nonostante i comprovati disturbi mentali, nonostante un Paese, quale quello americano, che continua ad imporre la voce ed il suo modello di democrazia in tutto il mondo, anche a colpi di guerra.
Una pena di morte che certamente non è distante neanche dall'Italia, casi come quelli di Cucchi o Alina, casi richiamati durante il living, giusto per citarne alcuni, hanno visto realizzare in questo Paese una forma sostanziale di condanna a morte per mano di alcune articolazioni di uno Stato che dovrebbe battersi, nel rispetto della Costituzione, contro questo tipo di atto vile e mortale. Ma come ben abbiamo compreso la carta è una cosa, la realtà è altra cosa, due cose che formeranno due oggetti distinti e separati ma rinchiusi nella burocrazia a volte violenta di quello Stato che travolge ed avvolge ogni sentimento.
In continuità con il 15 luglio invece nella data del 18 luglio a Campo San Giacomo è stata organizzata, con il contributo del Germinal, una riappropriazione sociale di una Piazza dimenticata da tutti, ove in estate vedrai bambini giocare a pallone sino a tarda ora, anziani chiacchierare sulle panchine, ragazzi e ragazze confrontarsi sulla vita. Ebbene in tale serata, sui muri della Chiesa è stato proiettato un film commedia, che ha visto varie persone partecipare con interesse. Film che qualche ora prima è stato anticipato da un cartone animato per i bambini. Esperienza che si ripeterà nella serata del 26 luglio.

Ciò dimostra che nelle periferie, spesso abbandonate alla cura opinabile della Chiesa, l'autorganizzazione è possibile, l'autorganizzazione volta a conferir respiro a chi non ha soldi per esempio per recarsi al cinema, volta a regalare un sorriso a chi è travolto dai problemi di una crisi non voluta ma imposta dall'alto.
Cinema e Teatro di movimento ed in Movimento, a Trieste, in tempo di crisi si deve, se pol.


Marco Barone

foto del living di Bruno Carini

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …