Passa ai contenuti principali

Cinema e teatro di movimento, a Trieste se pol





Trieste è la Città dove Amleto muterebbe il suo dilemma essere o non essere in se pol o no se pol.
Dipende dai punti di vista.
Si polemizza su tutto, in tutto e con tutto, a volte solo per la semplice voglia di polemizzare e vivere una sorta di gossip critico sociale partecipato, altre volte per visioni non certamente concilianti della società.
Si può discutere così tanto che se una persona assetata ti chiede un bicchiere d'acqua, magari il barista potrebbe perdersi nel dilemma acqua frizzante od acqua naturale, ed intanto il povero passante assetato creperà di sete.
Ma può accadere che quando si ha sete, questa venga dissetata in modo autorganizzato, senza chiedere alcun bicchier d'acqua, il passante si recherà direttamente alla fonte, senza attendere la soluzione al dilemma esistenziale.
Ebbene questo modo di procedere è quello che è in un certo modo accaduto in Città precisamente nella serata del 18 luglio e del 15 luglio dove due appuntamenti di movimento hanno offerto alla città un gran momento di partecipazione.
Partiamo dal 15 luglio dove una rappresentazione del Living Theatre, Non in mio nome, in Piazza della Borsa a Trieste, ha catturato l'attenzione di molti passanti, di molte persone, che andando contro ogni frenesia moderna, hanno imposto un freno al normale celere scorrere del tempo per riflettere, tra balli catartici e spirituali, sulla pena di morte.
Una pena di morte che il 18 luglio ha visto colpire Yokamon Hearn un afroamericano di 34 anni, sottoposto ad iniezione letale in Texas, nonostante i comprovati disturbi mentali, nonostante un Paese, quale quello americano, che continua ad imporre la voce ed il suo modello di democrazia in tutto il mondo, anche a colpi di guerra.
Una pena di morte che certamente non è distante neanche dall'Italia, casi come quelli di Cucchi o Alina, casi richiamati durante il living, giusto per citarne alcuni, hanno visto realizzare in questo Paese una forma sostanziale di condanna a morte per mano di alcune articolazioni di uno Stato che dovrebbe battersi, nel rispetto della Costituzione, contro questo tipo di atto vile e mortale. Ma come ben abbiamo compreso la carta è una cosa, la realtà è altra cosa, due cose che formeranno due oggetti distinti e separati ma rinchiusi nella burocrazia a volte violenta di quello Stato che travolge ed avvolge ogni sentimento.
In continuità con il 15 luglio invece nella data del 18 luglio a Campo San Giacomo è stata organizzata, con il contributo del Germinal, una riappropriazione sociale di una Piazza dimenticata da tutti, ove in estate vedrai bambini giocare a pallone sino a tarda ora, anziani chiacchierare sulle panchine, ragazzi e ragazze confrontarsi sulla vita. Ebbene in tale serata, sui muri della Chiesa è stato proiettato un film commedia, che ha visto varie persone partecipare con interesse. Film che qualche ora prima è stato anticipato da un cartone animato per i bambini. Esperienza che si ripeterà nella serata del 26 luglio.

Ciò dimostra che nelle periferie, spesso abbandonate alla cura opinabile della Chiesa, l'autorganizzazione è possibile, l'autorganizzazione volta a conferir respiro a chi non ha soldi per esempio per recarsi al cinema, volta a regalare un sorriso a chi è travolto dai problemi di una crisi non voluta ma imposta dall'alto.
Cinema e Teatro di movimento ed in Movimento, a Trieste, in tempo di crisi si deve, se pol.


Marco Barone

foto del living di Bruno Carini

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…