Passa ai contenuti principali

Cinema e teatro di movimento, a Trieste se pol





Trieste è la Città dove Amleto muterebbe il suo dilemma essere o non essere in se pol o no se pol.
Dipende dai punti di vista.
Si polemizza su tutto, in tutto e con tutto, a volte solo per la semplice voglia di polemizzare e vivere una sorta di gossip critico sociale partecipato, altre volte per visioni non certamente concilianti della società.
Si può discutere così tanto che se una persona assetata ti chiede un bicchiere d'acqua, magari il barista potrebbe perdersi nel dilemma acqua frizzante od acqua naturale, ed intanto il povero passante assetato creperà di sete.
Ma può accadere che quando si ha sete, questa venga dissetata in modo autorganizzato, senza chiedere alcun bicchier d'acqua, il passante si recherà direttamente alla fonte, senza attendere la soluzione al dilemma esistenziale.
Ebbene questo modo di procedere è quello che è in un certo modo accaduto in Città precisamente nella serata del 18 luglio e del 15 luglio dove due appuntamenti di movimento hanno offerto alla città un gran momento di partecipazione.
Partiamo dal 15 luglio dove una rappresentazione del Living Theatre, Non in mio nome, in Piazza della Borsa a Trieste, ha catturato l'attenzione di molti passanti, di molte persone, che andando contro ogni frenesia moderna, hanno imposto un freno al normale celere scorrere del tempo per riflettere, tra balli catartici e spirituali, sulla pena di morte.
Una pena di morte che il 18 luglio ha visto colpire Yokamon Hearn un afroamericano di 34 anni, sottoposto ad iniezione letale in Texas, nonostante i comprovati disturbi mentali, nonostante un Paese, quale quello americano, che continua ad imporre la voce ed il suo modello di democrazia in tutto il mondo, anche a colpi di guerra.
Una pena di morte che certamente non è distante neanche dall'Italia, casi come quelli di Cucchi o Alina, casi richiamati durante il living, giusto per citarne alcuni, hanno visto realizzare in questo Paese una forma sostanziale di condanna a morte per mano di alcune articolazioni di uno Stato che dovrebbe battersi, nel rispetto della Costituzione, contro questo tipo di atto vile e mortale. Ma come ben abbiamo compreso la carta è una cosa, la realtà è altra cosa, due cose che formeranno due oggetti distinti e separati ma rinchiusi nella burocrazia a volte violenta di quello Stato che travolge ed avvolge ogni sentimento.
In continuità con il 15 luglio invece nella data del 18 luglio a Campo San Giacomo è stata organizzata, con il contributo del Germinal, una riappropriazione sociale di una Piazza dimenticata da tutti, ove in estate vedrai bambini giocare a pallone sino a tarda ora, anziani chiacchierare sulle panchine, ragazzi e ragazze confrontarsi sulla vita. Ebbene in tale serata, sui muri della Chiesa è stato proiettato un film commedia, che ha visto varie persone partecipare con interesse. Film che qualche ora prima è stato anticipato da un cartone animato per i bambini. Esperienza che si ripeterà nella serata del 26 luglio.

Ciò dimostra che nelle periferie, spesso abbandonate alla cura opinabile della Chiesa, l'autorganizzazione è possibile, l'autorganizzazione volta a conferir respiro a chi non ha soldi per esempio per recarsi al cinema, volta a regalare un sorriso a chi è travolto dai problemi di una crisi non voluta ma imposta dall'alto.
Cinema e Teatro di movimento ed in Movimento, a Trieste, in tempo di crisi si deve, se pol.


Marco Barone

foto del living di Bruno Carini

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…