Passa ai contenuti principali

Alla ricerca di Antonio



Dopo aver visitato le bocche del Timavo, in uno spazio di terra incredibile circondato da un piccolo gioiello quale la chiesa gotica di San Giovanni in Tuba, o dalla Grotta del Dio Mitra , recandoti verso il castello di Duino perdendoti con i pensieri nella malinconia del sentiero di Rilke, su quella strada che unisce ciò che in cuor mio è Ronchi dei Partigiani, ma formalmente conosciuta come Ronchi dei Legionari, e la piccola Vienna, Trieste, noterai un cartello stradale color marrone che indica un sito paleontologico.
Decidi di seguire l'indicazione.
Giungerai al Villaggio del Pescatore, piccolo borgo circondato dal mare ove la balneazione è vietata in buona parte della zona, alla ricerca del dinosauro adrosauroide insulare della Tetide conosciuto come Antonio.
Eh Antonio dove sei?
Segui una seconda e poi una terza indicazione ed eccoti giungere, carico di adrenalina, in un piazzale enorme.
Probabilmente quello che resta di una ex cava.
Ma ti chiederai, Antonio dove sei?
Dove andare?
Segui l'istinto.
Giungerai in qualche bivio, a destra vedrai un casolare abbandonato, a sinistra una stradina circondata dall'erba alta, davanti a tuoi occhi ancora uno splendido paesaggio ed una terza via.
Le percorri tutte, ma Antonio non si vede.
Poi ti sorge un dubbio, non è che mi sarà sfuggita qualche indicazione?
Allora decidi di tornar indietro, ed ecco la sorpresa.
Due indicazioni attaccate ad una rete  davano il benventuo al sito.
Sfuggite in quella frenesia mentre cercavi Antonio.
Probabilmente perchè poco visibili.
Segui il breve sentiero, una salita, un casolare e...
Il cancello è chiuso.
Chiuso.
Eppure i cartelli stradali indicavano il sito.
Ma è tutto chiuso.
Chiuso.
Però vedrai in lontananza il mitico Antonio.
Vedrai il suo scheletro completo al 98% quasi incollato su una pietra.
Vedrai il dinosauro con la sua lunghezza di quasi 4 metri e 130 cm di altezza riposare in quella valle dimenticata dalla sovrintendenza.
Già, perché ti ritorneranno in mente le parole lette sul Piccolo di Trieste, qualche settimana prima. Soliti problemi di burocrazia, soliti tempi, solito tutto, tranne l'insolita ma forse comprensibile guerra con la sovrintendenza, ma il sito è chiuso.
Un sito che dalla sua apertura avvenuta il 31 marzo 2011, fino al giorno 8/5/2012, ha avuto più di 8.000 visite.
Ma oggi è chiuso.
Ieri anche.
Domani probabilmente.
Certo, molte persone tenteranno l'avventura di andare a cercare e trovare Antonio.
Ma i turisti non credo la prenderanno bene la sorpresina, quando giungeranno, dopo aver sbagliato varie volte strada, presso il sito e lo troveranno, se lo troveranno, chiuso
Visto che si vive tanto di apparenza, forse sarebbe il caso di coprire temporaneamente i cartelli stradali che indicano il sito paleontologico e risparmiare a questa terra una brutta figura.
Perché vi assicuro, che non è certamente entusiasmante andare alla ricerca di Antonio, sperando di poterlo incontrare, e poi trovarti davanti  un cancello chiuso, senza alcuna spiegazione.
Se è questo il modo con cui incentiviamo il turismo e la cultura, che dire?
 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …