Passa ai contenuti principali

Chi l'ha visto, ennesima invasione della vita privata.


Ritorno ancora una volta sul programma Chi l'ha visto? . 

Sulla ennesima caduta di stile di quel programma. Una caduta di stile, tipica di un Paese, che non ha più né forma, né sostanza, né, appunto, stile.

Certamente quel programma è stato utile nel corso del tempo per vari casi e situazioni che ancora oggi non hanno trovato né giustizia formale, né una sorta di verità, però spesso pecca di spettacolarizzazione, ed il caso di Sarah Scazzi, certamente ha ben rappresentato , come non esiste nessun rispetto per la dignità umana, per la sofferenza umana.

Nonostante tutto, nonostante le critiche che sono state sollevate proprio per come trattato quel caso, Chi l'ha visto, ancora una volta, cade nella mediatizzazione della sofferenza umana.

Mi riferisco alla puntata del 25 aprile, del caso della donna di di 38 anni scomparsa l’11 aprile dal Milanese e ritrovata a Palermo.

Appunto, ritrovata.

Gli investigatori avevano dichiarato che si trattava di un allontanamento volontario.  La vicenda della scomparsa era emersa dopo l’appello del convivente durante l’ultima puntata, quella della settimana precedente, di “Chi l’ha visto?”. 

Ora la domanda sorge spontanea: era necessario mandare in onda la ricostruzione della caccia alla donna? Perché di questo si è trattato. Invadendo ogni suo spazio, ogni sua sofferenza, ogni aspetto della sua vita privata. Una volta che la donna è stata ritrovata, perché non limitare tutto ad un semplice annuncio?

Quella donna si è allontanata di propria volontà. Ha gettato via i documenti, ha cambiato il colore dei capelli.  Una storia che probabilmente celerà grandi sofferenze personali ed umani, ma anche se così non fosse, sono affari privati della donna quello che è accaduto, quella ingerenza non è tollerabile. Non è tollerabile specialmente quando la stessa è stata ritrovata. Qualcuno si è posto il problema se lei fosse felice del suo ritrovamento? Visto che in televisione erano tutti contenti, ma lei lo era?

Qualcuno ha chiesto alla donna ritrovata se acconsentiva all'inviare in onda, nelle case di milioni di persone, la sua storia personale e privata?

Il Garante così detto della Privacy dovrebbe, per casi come questi, prendere delle posizioni. Sorvolo sulle lezioni di moralità che quel programma vorrebbe offrire, a parer mio totalmente opinabili, ma quando si parla di vita privata delle persone, la televisione fatta da chi offre un servizio pubblico, deve fermarsi, non deve andare oltre.

Ed ancora una volta è accaduto il contrario. Se poi la diretta interessata ha espresso consenso affinché la sua storia divenisse di dominio pubblico, è una scelta personale, che non condivido ma rispetto. 

Ma nutro dubbi in tal senso, dubbi che possono essere chiariti solo dai diretti interessati, sarebbe stato auspicabile, limitare il tutto ad un semplice annuncio di ritrovamento, senza andare oltre, in una storia dai mille perché, la cui unica risposta è conosciuta solo da chi ha deciso volontariamente di andare via.

Si potrebbe dire altro e certamente molto sulla questione di ricorrere alla televisione in caso di scomparsa delle persone, specialmente quando non è chiaro se trattasi di allontanamento volontario o meno, e chiedersi quale è il limite della tutela della vita privata della persona? Esiste un limite?

Commenti

  1. Sono perfettamente d'accordo con te, questo programma ha raggiunto livelli davvero bassi, l'appostamento sotto casa della donna in attesa che la coppia rientrasse..dà i brividi.
    Non a caso tutti gli altri ritrovamenti che riscuotono meno interesse non vengono mai citati in trasmissione e sul sito di Chi l'ha Visto cancellano addirittura i nomi aggiornando con informazioni come "ritrovato il ragazzo di 30 anni di Siena" etc.

    https://www.facebook.com/groups/130899713883/
    Monday

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…