Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2010

La Gelmini "unisce" la vera Italia.Cronaca di una giornata di lotta a Bologna.

Se un merito deve essere riconosciuto alla Ministra della Distruzione Pubblica sia essa universitaria che scolastica è quello, ed unicamente quello di aver svegliato un movimento di lotta e di ribellione più che determinato a rivendicare il diritto ad un futuro senza precarietà.
Precarietà non solo lavorativa ma inevitabilmente esistenziale.
Bologna oggi è tornata ad esser rossa.
Ma non più rossa di vergogna.
No, rossa per la voglia di lottare, rossa per la ribellione al sistema presente, rossa per dire no alla distruzione del diritto allo studio, alla formazione di menti non pensanti, al lavoro precario.
Parlo di Bologna perchè è da questa città che oggi scrivo.

Ma in verità in tutta Italia vi sono state manifestazioni di migliaia di studenti, fronteggiate anche duramente dalle forze dell'ordine.

Bologna 30 novembre 2010:
 Il corteo parte  in prima mattinata dalla storica Piazza Verdi di Bologna. Una piazza costeggiata dal teatro comunale, ma anche dalle politiche di repressione at…

L'intensa giornata della Camera: dalla riforma universitaria all'abolizione delle province.

Mentre scrivo  queste parole, apprendo che  Mario Monicelli, 95 anni, si è ucciso lanciandosi dal quinto piano del reparto di urologia dell'ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato per una grave malattia.  Autore di La Grande guerra (1959) trionfatore a Venezia con il Leone d'oro; L'armata Brancaleone (1965), giusto per citarne alcuni, ha seguito la triste sorte del padre morto anche lui per suicidio, Tomaso Monicelli noto giornalista e scrittore antifascista, nel 1946.

Mentre scrivo in tutta Italia sono in corso occupazioni sia universitarie che di scuole.
Solo nella giornata di oggi a Bologna hanno occupato quattro scuole oltre la Facoltà di Lettere.
Per la giornata del 30 novembre è previsto corteo metropolitano con l'intenzione di bloccare tutto.
Voi ci togliete il futuro noi vi blocchiamo tutto.
Questo il grido del movimento dell'autunno del 2010.

Ma nella giornata del 30 novembre 2010 alla Camera si discuterà di varie questioni importanti per la pol…

L'incredibile storia di Mohamed Mohamud.

Quella che racconterò è la storia di un ragazzo appena maggiorenne.
Un ragazzo di origine somala che viveva in Oregon.
Una storia letta sui principali organi d'informazione italiani, ma non analizzata con la dovuta attenzione.

I giornali, specialmente quelli americani, hanno gridato con elevato orgoglio  vittoria dell'FBI.
FBI tende trappola ad un ragazzo somalo e lo arresta.

Beh fin qui nulla di strano.
Ma ecco cosa è successo.

A  Portland, in Oregon un 19enne di origini somale è finito in manette  dopo aver tentato di far esplodere una bomba confezionata proprio dagli agenti dell’Fbi.
Già queste righe devono far pensare.

Ma come voleva fare esplodere una bomba che bomba non era?

Ma continuiamo con questa storia che forse neanche il più geniale dei registi viventi avrebbe scritto in tal modo.

Il piano di Mohamed Mohamud,  era (?), fare una strage durante una cerimonia pre natalizia nel centro della città. Parcheggiato nelle vicinanze un pulmino carico di quello che crede…

Profumo arabico

Amando l'amore

nel dolce profumo

ovunque sia,

accolta l' arabica scia

accarezzata dall' eterno desiderio,

ora,

mera sincera pura immensa follia.


Marco Barone

Wikileaks : sicurezza preventiva con uno sguardo alla Cina.

Il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto: "Nelle prossime ore vedremo l'effettiva entità dell'operazione Wikileaks e quindi saremo in grado di dare una valutazione ponderata. In ogni caso, è ormai evidente che la stessa nozione di terrorismo viene ad avere una accezione molto più vasta di quella tradizionale. E' evidente che esiste un terrorismo mediatico che per certi aspetti può essere molto più efficace di quello tradizionale. In Italia questo tipo moderno e sofisticato di terrorismo è ormai in atto da qualche tempo ed ha accentuato la sua aggressività in questo periodo"
Il minsitro del Welfare Maurizio Sacconi: "Vedremo cosa vien fuori. Certo è che gli stati vivono anche di doverosa riservatezza dei loro atti interni" .
Tutte dichiarazioni a caldo, nell'attesa programmata di visionare migliaia di documenti che sfioreranno anche il sistema Italia.

Attesa programmata.
E' a dir poco singolare questo modo di comunicare alla società …

Quanto è difficile oggi "fare" l'avvocato?

Oggi voglio soffermarmi e riflettere insieme a tutti voi sulla libera professione forense, ovvero  parlare dell'avvocatura.
Per farlo dovrò riferirmi alla mia esperienza di vita, di tutti gli ostacoli superati e di tutti quelli che restano da superare, ancora, per esercitare e garantire quel diritto alla difesa costituzionalmente garantito in cui credo fortemente, specialmente quando si dice che la difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.

Il sottoscritto come tanti è figlio di genitori dipendenti pubblici. I loro genitori, i miei nonni, erano contadini.
E' interessante notare il passaggio delle generazioni.

I miei nonni coltivavano la terra, hanno fatto sacrifici enormi per i miei genitori, che non hanno però avuto la possibilità di studiare all'università.
Si sono fermati prima.
Loro, la mia famiglia, invece con sacrifici, ha dato la possibilità al sottoscritto di proseguire gli studi ed arrivare alla laurea in giurisprudenza.
Quindi, si è par…

Cambio pneumatico.

Era il lontano 1888 quando John Boyd Dunlop sviluppò il primo prototipo di ruota pneumatica per il triciclo del figlio, e dopo una fase di studio ne depositò il brevetto il 7 dicembre1888 che venne sucessivamente  revocato poichè era emerso che  quarant'anni prima l'inventore scozzese Robert William Thomson, aveva già brevettato un'idea analoga in Francia nel 1846 e negli Stati Uniti nel 1847.

Solite guerre di brevetti.
Guerre determinate dagli interessi delle aziende che in modo dominante impongono la loro volontà anche per invenzioni che possono esser utili per la comodità borghese umana, ma in realtà in primis sono fondamentali per le loro casse.
Vedi per esempio la storia del tergicristallo e la relativa   battaglia combattuta da Robert Kearns, l'inventore dei tergicristalli ad intermittenza per automobili, truffato in sostanza dal colosso Ford.

Come tutti avranno notato è arrivato l'inverno.
Beh era ora.
Quando giunge il freddo si rimpiange il caldo, quando…

Surd

Terra di non confine, sabbia mediterranea confusa per le vie amor carsiche. Ora delirio nell'universo spazio, accarezza l'estremità solitaria  contemplata dal rosso sole nel ribelle chiaror lunare.
Surd.
Marco Barone

Ritmo Di Contrabbando

La difesa dell'immagine per salvare le poltrone.

"C’e’ una rete nel mondo di nemici dell’Italia che vogliono il male dell’Italia, costituita in gran parte di italiani, che per mettere sotto attacco il presidente del consiglio non esitano a diffondere immagini false".

http://www.ilpopolodellaliberta.it/notizie/arc_19118.htm
Questo era quanto dichiarava Frattini solo il 4 novembre 2010 in merito alla gestione dei rifiuti di Napoli.

La questione difesa dell'immagine era già in passato emersa con tanto di azione legale, sostenuta dalla Brambilla in merito ad una campagna pubblicitaria promossa per i-Phone, che giocava su alcuni luoghi comuni del nostro paese. Più precisamente: “pizza, mafia, pasta e scooter”.
Tale immagine distorta, sosteneva la Brambilla, "alla cui creazione hanno contribuito anche tante pellicole cinematografiche diffuse in tutto il mondo, deve essere definitivamente corretta. Perciò ho chiesto ad Apple di rimuovere l’applicazione da App store e ho dato mandato all’Avvocatura dello Stato di procede…

La brutalità del "Karabiniere" alla manifestazione studentesca.

Sul sito http://lombardia.indymedia.org/node/33948, è stata pubblicata la foto da cui occorre trarre riflessioni più che necessarie.
Necessarie perchè la storia italiana, pensa all'omicidio Pinelli, a Lorusso, Giorgiana Masi, Carlo Giuliani, giusto per citarne alcuni, è viva di atti di violenza di Stato che hanno comportato la morte di compagne e compagni di lotta e non solo.

Violenza di Stato, abuso del Sistema, brutalità, crudeltà, ferocia, furia, maltrattamento, prepotenza, rabbia dovuta al servilismo esplosa nelle dinamiche di piazza come contrastarla?
Come difendersi da ciò?
Nella foto si vede chiaramente il carabiniere che  pesta uno studente con il manganello telescopico che tiene nella mano destra, gli strappa un dreadlock con la sinistra e per concludere quando il giovane è a terra lo riempe di calci.

Se prendiamo in considerazione le cariche delle forze dell'ordine emerge che sia a Milano,Bologna e Firenze hanno avuto tutte inizio a causa di una spinta ad hoc effe…

Giorni di conflitto sociale a Bologna.

Bologna, città commissariata, città ove la 'ndrangheta spadroneggia, città ove interessi politici ed affari si intrecciano per consolidare il potere di quel sistema cooperativistico che è il vero centro sistemico decisionale della vita economica bolognese; città ove da anni è in corso uno svuotamento sia a livello culturale che anche demografico, basta pensare al solo calo enorme di  studenti iscritti all'università rilevato negli ultimi tempi; città ove alle nove di sera le strade iniziano a desertificare, città che vuole essere metropolitana, ma nello stesso tempo paese provinciale.
Città dalle mille eterogenee contraddizioni, città ancora assopita nel sogno rivoluzionario del 1977.
Ma,ecco che in questi giorni, per motivi vari, siano essi liberi e spontanei siano essi non molto spontanei, nascere  varie iniziative di conflitto poste in essere da varie realtà ma non solo studentesche.


Mentre la Gelmini oggi dichiara che “Mi auguro che non accada che vengano votati emendamenti …

Il 14 dicembre si voterà la fiducia al Governo, ma il 16 dicembre succede che...

Alcuni potrebbero dire che tendo alla dietrologia.
Ma essere diffidenti e leggere determinate scelte di campo, per usare un linguaggio molto caro al "fratello" Berlusconi, come non casuali è atto dovuto è atto necessario per comprendere determinati passaggi importanti per la difesa del potere.
Potere sublime, potere drogato, potere malato.
Potere.
Perchè proprio il 14 dicembre si voterà la fiducia al Governo Berlusconi?
E' notizia di oggi che la Ministra Carfagna si dimetterà il giorno dopo.
Sentiremo tutti e tutte la sua mancanza.
Ma, il 16 dicembre, come annunciato con effetto suspense nel titolo del presente articolo, si svolgerà un vertice europeo a dir poco fondamentale, decisivo,per la politica economica e monetaria dell'Unione Europea.

 Come ricordato da una, passata a molti come inosservata, agenzia di stampa dell'Adnkronos/Aki,  il 16 dicembre, in concomitanza con il vertice europeo dei capi di Stato e di governo, si terra' un Ecofin straordinario …

Il rapporto tra scuola e famiglia.

Quella del docente, del maestro, dell'insegnante, del professore, è una professione difficile.

Difficile perchè le responsabilità che fanno capo a queste persone, a questi lavoratori  che credono nella formazione di menti pensanti, di contribuire ad un pensiero critico del sistema e nel sistema, di acculturare generazioni avvolte nella iper tecnologia nozionistica e mediatica è cosa ardua, è cosa dura, ed umanamente spesso sconfortante.

Mi viene in mente il caso di una lavoratrice, che crede fortemente nel proprio lavoro, nell'importanza di sensibilizzare i ragazzi alla cultura, ma che a causa dei ritmi nefasti, meccanici tipici di questa società, deve impiegare gran parte del proprio tempo letteralmente ad inseguire un proprio studente che è iper-attivo e non solo.
Il tutto nell'attesa della forse un giorno probabile nomina di un docente di sostegno. La burocrazia ha i suoi tempi  nella norma non conciliabili con le necessità presenti nell'ambito della scuola,  dei r…

Allorquando

Pagine di libro,

scorron via tra pensieri

incolti

e desideri assorti.

Lento movimento continuo

incupito nella condizione dettata dal potere
per inibir il diritto alla felicità,
ora,
e solo ora,
tra una pagina di libro invecchiata dalla speranza avversa all' onnipresente
eco della solitudine,

e l'effigie ritratta sulla parete oscura;
allorquando eleverai la terra,
oh mite animo contadino,
cuor genuino,
ecco lacrime elegiache
inondar il fiume impetuoso
della ribellione.

Marco Barone

Mondo a punti.

Potrei parlare della crisi Irlandese, di quella del Portogallo, di quella Spagnola e poi come per magia di quella Italiana.
Potrei parlare dei lampi di guerra tra le Coree.
Potrei parlare del c.d. anatema del Papa sull'omosessualità che dice che "non è mai giustificabile moralmente".
Oppure dei quattro operai morti  sul lavoro, ancora una volta  lavoratori assassinati dallo sfruttamento.

Ma oggi voglio invitare tutti brevemente alla riflessione su una questione che riguarda la nostra quotidianità vissuta.
Hai un telefono? Più ricarichi più punti ottieni...ed incredibili regali avrai.
Beh peccato che se rapportato al valore effettivo di quello che si è speso per ottenere quei punti, il prodotto che verrà gentilmente, con affetto, con simpatia, con buon cuore, con animo generoso, regalato, in realtà costa una fortuna.
Ma ecco la corsa a ricaricare il telefono per avere quei punti per il regalo...
Già il sospirato regalo!
Stesso discorso per la benzina, per i prodotti alim…

Quale titolo?

Quale titolo a ciò che non ha titolo?
Quale titolo a ciò che non è?
Quale titolo a ciò che non è definibile?
Si cerca sempre di conferir  definizione al tutto.
Ma alcune volte succede che definendo quel tutto, lo si relativizza nella concezione dello schema.
Schematizzare quel tutto comporta la trasformazione del non limite nel limite, dell'infinito nel finito,del dubbio nella certezza.
Esiston cose che è meglio non definire, non ricondurre nel vortice del sistema.
Cose che in verità sono espressione di quella profondità immensa che elargiscono all'essere umano la facoltà di essere.
Essere vivo, sognatore.
Perchè quel tutto non muti in nulla,
perchè la straordinarietà non muti in ordinarietà,
perchè il silenzio solenne non muti in verbo aspro,
a volte è meglio non definire l'indefinibile.

Emozione,ramo dell'amore madre della vita;
sogno, foglia volante coccolata dalla brezza del desiderio figlio della speranza;
volontà tronco secolare della stabilità esistenziale;
follia,…

A Pisa, Siracusa, Torino e Napoli arriva la meritocrazia nella scuola.Premiati docenti e scuole "migliori".

«Ogni bambino è un individuo prezioso», scriveva Michael Young l'artefice del termine meritocrazia: «La scuola non deve essere legata alle strutture dell' occupazione, piegata a fornire gente per il lavoro, bensì spinta a incoraggiare tutti i talenti umani»  Ovviamente da umanista socialista che era Young,  per lui la meritocrazia aveva un significato negativo, al pari di aristocrazia. Ma i governanti ed i politici hanno colto tale termine per ribaltare la sua essenza. Meritocrazia, ovvero competizione, ovvero ulteriore tassello che comporterà la piena trasformazione della scuola pubblica in scuola aziendale.
Ecco quanto si legge in una nota del  18 novembre 2010 del Ministero della Istruzione: Per la prima volta dopo decenni di dibattiti parte finalmente un progetto concreto che introduce il merito nel sistema d’istruzione italiano, per valutare e premiare le scuole e i docenti migliori. La sperimentazione ha l’obiettivo di individuare criteri, metodologie e competenze per …

Approvato il nuovo regolamento sull'editoria. E' la fine della libertà d'informazione?

Dopo la sospensione delle agevolazioni postali per la spedizione di periodici, libri e quotidiani che ha comportato di punto in bianco  che dal primo aprile 2010  editori di quotidiani, periodici e libri non potevano e non possono più usufruire di tariffe agevolate, ma delle normali tariffe di Poste Italiane, ovvero che se fino al 31 marzo una casa editrice per spedire un pacco di libri fino a 3 Kg pagava 1,35 euro (costo peraltro già abbondantemente lievitato da inizio anno), dal giorno successivo  paga 7 euro.

Intervento posto in essere proprio per colpire l'editoria piccola indipendente di contro informazione, colpire chi contribuisce in questo paese dal regime democratico a far ragionare le persone, a svegliare le menti spesso annichilite dai media e dalla stampa di Stato; ecco che il Consiglio dei Ministri, dopo anni di tentativi, oggi ha approvato il nuovo regolamento che riordina le procedure di erogazione dei contributi diretti ed indiretti all'editoria.
Occorre precis…

Lo strano tempismo dell'arresto di Antonino Iovine

Antonino Iovine classe  1964,  ricercato dal 1996 e dal 2002 per omicidio ed altro. Il 10.07.1999 sono state diramate le ricerche in campo internazionale, per arresto ai fini estradizionali. Il boss della camorra, considerato uno dei criminali più pericolosi dal Viminale, è stato arrestato a Casal di Principe. «Oggi è una bellissima giornata per la lotta alla mafia, tra pochi minuti vedrete...» Questo quanto dichiarato da Maroni poco prima dell'arresto del delfino di Sandokan... Si trovava in un covo di Casal di Principe, in casa di un uomo considerato adesso un suo fiancheggiatore.Il superlatitante era disarmato; nella villetta invece la polizia ha trovato una pistola, regolarmente denunciata, appartenente a Borrata. Ma... fino a stamani il dibattito era caratterizzato dal querela si querela no, Saviano ha fatto bene Saviano ha fatto male, Maroni ha ragione Maroni non ha ragione... La Lega Nord non ha rapporti con la Mafia, la Lega ha rapporti con la Mafia ecc.
Ed ecco la rispost…

Cioccolando l'allegria.

Dir felicità,

dir serenità,

dir ora sono,

cioccolando l'allegria

nel candore dell'umana magia,

non più lontanta fantasia,

nel coraggio di gridar al vento del silenzio

il ripudio per l'omertà,

ora,

e solo ora,

muterai la speranza della libertà,

nel libero amore rivoluzionario.

Marco Barone

Dal presidio di Brescia al Lager di Gradisca, aspettando il 20 novembre.

Maroni, l'attuale Ministro dell'Interno, quel Ministro che sarà tale ancora per qualche mese, sino a quando ad aprile si definiranno le nuove elezioni per le politiche, quel Ministro che dichiarò che fino a quando lui resterà in carica gli immigrati in Italia non avranno diritto di voto, e che  in modo intimidatorio aveva fatto trapelare che chi non è in regola in Italia non può neanche protestare...dalla polizia bresciana è stato ascoltato pienamente.Molti degli immigrati che protestavano sono stati fermati e condotti in questura, i più fortunati otterranno il permesso per motivi giudiziari, ma c'è chi si trova invece recluso nel Lager, uno dei peggiori tra quelli esistenti in Italia, quello di Gradisca. Ma anche chi è stato espulso e rimpatriato nel proprio paese di provenienza.

Ma anche chi è stato "usato" dal sistema per far finire la protesta, in cambio della speranza di non essere espulso: «Fa freddo, scendete anche voi»: Kuldip Singh, l'indiano di 26 …