Passa ai contenuti principali

Terranova da Sibari: quattro arresti per riduzione in schiavitù

Tre cittadini di Terranova da Sibari (Cs) e un romeno sono stati arrestati dai carabinieri per riduzione in schiavitù di otto lavoratori romeni.
Le persone arrestate sono Camillo Emilio Molino, 45enne, il fratello Enzo Franco Molino, 43enne, e Gaetano Caracciolo, 35enne, tutti e tre e noti alle forze dell’ordine perché pluripregiudicati. C on precedenti penali anche il cittadino romeno Dinita Aurelian Daniel, 20enne.
Le otto vittime, che ora sono state accompagnate in una località protetta, hanno raccontato ai carabinieri di Terranova di essere partiti alla volta dell’Italia con la promessa di essere assunti come braccianti agricoli.
Ma varcato il confine italiano gli è stato chiesto di consegnare i passaporti e gli altri documenti per le pratiche di assunzione. Fiduciosi, gli uomini, sei 25enni e due 40enni, hanno consegnato il tutto. Portati a Terranova da Sibari sono stati affidati a un connazionale, che ha fatto da interprete, e ai tre italiani.
Gli otto sfortunati romeni sono stati sistemati in un stanzino fatiscente, umido, senza acqua calda, con pochi sudici letti; sono stati obbligati a non allontanarsi, a non parlare in italiano. Il giorno dopo sono stati portati sul posto di lavori, e “utilizzati” per le demolizioni. Con un turno di lavoro che andava dalle 8 alle 18, interrotto da una breve pausa pranzo per il quale gli viene concesso solo un po’ di pane, la maggior parte delle volte raffermo o ammuffito. Ed era quel pezzo di pane l’unica “paga” che riceveranno, per loro non c’è altro. Passa circa una settimana, le minacce si fanno sempre più eloquenti, minacce di morte.
Gli otto uomini riescono a uscire da questa macabra situazione solo quando uno di loro si ricorda di avere un conoscente in Italia, in provincia di Potenza. Il romeno racconta telefonicamente al conoscente delle loro condizioni di vita e di lavoro, dello stabile dove dormono e la località dove si trovano.
Il connazionale si reca subito dai carabinieri che allertano i colleghi della stazione di Terranova da Sibari e della compagnia di San Marco Argentano. Individuato lo stabile, i carabinieri fanno irruzione e trovano le condizioni disumane descritte dalla fonte. Scattano immediate le perquisizioni. E nelle abitazioni dei tre italiani descritti dagli otto schiavi vengono trovati i passaporti ed i documenti di sette degli otto romeni. Dei quattro arresti, infatti, viene informato il sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, Larissa Catella, che ne ha disposto la traduzione in carcere.
da il quotidianodellacalabria.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…