Passa ai contenuti principali

Terranova da Sibari: quattro arresti per riduzione in schiavitù

Tre cittadini di Terranova da Sibari (Cs) e un romeno sono stati arrestati dai carabinieri per riduzione in schiavitù di otto lavoratori romeni.
Le persone arrestate sono Camillo Emilio Molino, 45enne, il fratello Enzo Franco Molino, 43enne, e Gaetano Caracciolo, 35enne, tutti e tre e noti alle forze dell’ordine perché pluripregiudicati. C on precedenti penali anche il cittadino romeno Dinita Aurelian Daniel, 20enne.
Le otto vittime, che ora sono state accompagnate in una località protetta, hanno raccontato ai carabinieri di Terranova di essere partiti alla volta dell’Italia con la promessa di essere assunti come braccianti agricoli.
Ma varcato il confine italiano gli è stato chiesto di consegnare i passaporti e gli altri documenti per le pratiche di assunzione. Fiduciosi, gli uomini, sei 25enni e due 40enni, hanno consegnato il tutto. Portati a Terranova da Sibari sono stati affidati a un connazionale, che ha fatto da interprete, e ai tre italiani.
Gli otto sfortunati romeni sono stati sistemati in un stanzino fatiscente, umido, senza acqua calda, con pochi sudici letti; sono stati obbligati a non allontanarsi, a non parlare in italiano. Il giorno dopo sono stati portati sul posto di lavori, e “utilizzati” per le demolizioni. Con un turno di lavoro che andava dalle 8 alle 18, interrotto da una breve pausa pranzo per il quale gli viene concesso solo un po’ di pane, la maggior parte delle volte raffermo o ammuffito. Ed era quel pezzo di pane l’unica “paga” che riceveranno, per loro non c’è altro. Passa circa una settimana, le minacce si fanno sempre più eloquenti, minacce di morte.
Gli otto uomini riescono a uscire da questa macabra situazione solo quando uno di loro si ricorda di avere un conoscente in Italia, in provincia di Potenza. Il romeno racconta telefonicamente al conoscente delle loro condizioni di vita e di lavoro, dello stabile dove dormono e la località dove si trovano.
Il connazionale si reca subito dai carabinieri che allertano i colleghi della stazione di Terranova da Sibari e della compagnia di San Marco Argentano. Individuato lo stabile, i carabinieri fanno irruzione e trovano le condizioni disumane descritte dalla fonte. Scattano immediate le perquisizioni. E nelle abitazioni dei tre italiani descritti dagli otto schiavi vengono trovati i passaporti ed i documenti di sette degli otto romeni. Dei quattro arresti, infatti, viene informato il sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, Larissa Catella, che ne ha disposto la traduzione in carcere.
da il quotidianodellacalabria.it

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…