Passa ai contenuti principali

Post

Vista la sindrome dell'austronostalgia allora a Trieste si devono ripristinare il Molo San Carlo e Piazza Grande

Come è noto il Consiglio Comunale di Trieste ha approvato due mozioni, quella della Lega Nord con la quale si impegna il Sindaco "affinché annualmente venga ricordata dal Comune di Trieste la figura di Maria Theresia e si crei un percorso storico/culturale che valorizzi la storia degli Asburgo" e quella presentata da un consigliere del PD affinché il Sindaco si attivi per l'integrazione del nome Canal Grande con quello di Maria Teresa, e perchè detta dicitura " Canal Grande Maria Teresa" compaia con evidenza nelle targhe apposte presso il medesimo.  Speriamo che qualcuno specifichi a quale Maria Teresa si faccia riferimento perchè in tanti potrebbero pensare a quella di Calcutta. Dunque piena convergenza politica su Maria Teresa e l'austronostalgia diventa realtà. Va bene. Se ne prende atto. Contenti voi. Allora, per coerenza, i due principali simboli di Trieste dovrebbero ritornare al loro originario nome. Nel 1740 affondò nel porto di Trieste, vicino all…
Post recenti

Proibire, come le sigarette, i telefonini ai minorenni, sarebbe giusto o meno?

Una volta per avere il tuo primo telefonino, che poi era un cassettone enorme e neanche nuovo dovevi aspettare la maggiore età. Con la maggiore età potevi avere il telefonino, potevi avere la patente, entravi formalmente nel mondo degli adulti e tu eri totalmente responsabile delle tue azioni ed omissioni. Nel giro di pochissimi anni le cose sono state totalmente stravolte. Certo per la patente si deve ancora aspettare la maggiore età, ma per il resto no. Giocattoli a forma di telefonino per i bambini, ma i telefonini veri vengono anche usati dai bambini che imparano in fretta e son anche più bravi degli adulti, ma li usano prevalentemente per giocare, simulare telefonate e cose di questo tipo. Educati inconsapevolmente al possesso di uno strumento a cui poi non potranno rinunciare, perchè nella disponibilità di tutti. Il problema serio si pone con l'adolescenza, con quella che è storicamente da sempre l'età più difficile, dove giochi e chat e video e foto e mondo dei social …

Se a Monfalcone è più gradita una comunità con culi al vento che una comunità con il velo

Svelato il motivo del tanto fastidio che a Monfalcone vi è nei confronti delle donne bengalesi che in questo periodo caldo iniziano a circolare per le strade della città con abiti colorati e velo altrettanto colorato. Il problema non è religioso, ma semplicemente visivo. Culi al vento e minigonne non danno alcun fastidio, perchè questi sono i supremi valori dell'Occidente, sono le "nostre tradizioni" e dunque chi viene a casa nostra deve adeguarsi, no? Più minigonne e culi a vento per tutte allora. Su una pagina  Facebook nota di Monfalcone, a commento dell'ennesima foto che ritrae donne bengalesi con il velo è stato riportato il seguente commento pubblico, dunque visibile a tutti e che ha diversi mi piace e mica di soli uomini come si potrebbe comunemente pensare: "Colori sgargianti x una città che tende al grigiore assoluto... Non credo facciano del male, l'abito non ha mai fatto il monaco... C'è molto di peggio di cui lamentarsi che non un abbiglia…

Amministrative2017 Gorizia: il dato che sorprenderà sarà l'astensione

Ci sarà astensione record nella storia delle elezioni amministrative di Gorizia? Questa è la sensazione che si matura, giorno dopo giorno, in una campagna elettorale che appassiona poco, che nelle modalità con le quali si svolge, e non tanto per responsabilità dei candidati, ma del sistema nel quale viviamo o forse sopravviviamo, è più diretta a parlare ad una cerchia ristretta di persone che alla città intera. Più che di campagna elettorale si potrebbe parlare di scampagnata cittadina elettorale. Ma questo non è un problema solo goriziano, è un fattore comune che si verifica oramai quasi ovunque. E la partecipazione dei cittadini non è entusiasmante. I vecchi comizi nelle piazze sono oramai un ricordo sbiadito. Le vecchie discussioni al bar che duravano ore ed anche dure ma sempre rispettose dell'avversario e dell'interlocutore sono oramai un tema da svolgere nelle scuole con l'inevitabile c'era una volta. Once Upon a Time. Già. 
Marco Barone

Con una Gorizia (Gorica) slovena e Koper( Capodistria) italiana, come sarebbe oggi la situazione?

I confini sono mobili, sempre in discussione e non è un caso che ultimamente più di qualcuno vuole ridiscutere alcuni confini nell'ex Jugoslavia, roba che rischia di determinare conflitti enormi, dove solo con la Jugoslavia socialista si era consolidata una vera situazione di equilibrio ed integrazione e di pace, ma quella Jugoslavia non poteva continuare ad esistere con una nascente Unione Europea fondata sulle regole del capitalismo e capitalismo e democrazia non fanno sicuramente rima. La storia del Confine Orientale è assolutamente travagliata, ha conosciuto diverse conflittualità e due conflitti mondiali, qui è iniziata prima che altrove la guerra fredda e l'ultimo muro di questa guerra fredda tra Occidente ed Oriente, capitalismo e comunismo è caduto proprio a Gorizia. Dalla linea  Morgan al Trattato di Osimo, passando dal Trattato di Pace e Memorandum di Londra per arrivare ai giorni nostri. Giorni che segnano situazioni sociali ed economiche difficili. Hai oggi una Go…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

Il nuovo piano per il dimensionamento della rete scolastica in FVG

Il dimensionamento per l’anno scolastico 2018 – 2019, in FVG, dovrà essere attuato nel rispetto dei seguenti parametri:

"1. tutte le autonomie scolastiche di ogni ordine e grado dovranno tendere al raggiungimento di un numero di alunni non inferiore a 600 unità, anche al fine dell’assegnazione del DS e del DSGA, tenendo conto del trend demografico degli ultimi anni e delle iscrizioni nel triennio precedente.

2. Per le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado comprese nei territori montani, nelle piccole isole e nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche (friulano, sloveno e tedesco), il sopraccitato limite di cui al punto 1 viene ridotto a 400 studenti.

3. L’esistenza di autonomie scolastiche con un numero inferiore a 400 studenti deve essere motivata da una scarsa densità demografica del bacino territoriale di riferimento o dall’esistenza di condizioni particolari di isolamento (ad esempio presenza di scarsi collegamenti con mezzi di trasporto pu…