Passa ai contenuti principali

Post

Un proclama fascista del '45 per Fiume annessa all'Italia.Sembra essere stato scritto oggi da chi rivendica Fiume

Questione di settimane e l'Italia verrà liberata. Ma sulla Stampa continuavano ad essere pubblicati articoli a sostegno del fascismo e del duce. Come quello del 16 marzo 1945 dove vi sarà, nella prima pagina, quello che potremmo definire oggi come una sorta di editoriale dedicato alla questione di Fiume. Dal titolo eloquente: L'annessione di Fiume.   Senza la marcia di occupazione di Fiume, eversiva e militarista osteggiata dallo Stato italiano, non sarebbe stata possibile la sua annessione all'Italia fascista come avvenuta nel 1924 per mano di Mussolini. Vi è stata una mera continuità, nessuna appropriazione da parte dal fascismo. Ed è interessante notare che il linguaggio utilizzato in questo pezzo pubblicato sulla Stampa, una sorta di elogio fascistoide a sostegno dell'annessione di Fiume, nonchè lo stile, è lo stesso usato da molti che oggi giorno rivendicano l'italianità di questa città che appartiene legittimamente alla Repubblica di Croazia.
"L'an…
Post recenti

Dopo anni il Senato si sveglia: Sappada in FVG aspettando la Camera ed altri 16 Comuni in fuga dal Veneto

Quella di Sappada può essere l'inizio di una fuga sancita in via democratica e ratificata con difficoltà per legge ordinaria di tanti Comuni dal Veneto verso il Friuli Venezia Giulia od il Trentino Alto Adige. 
Sarà un caso ma dopo quasi dieci anni si arriva in Senato all'approvazione di questo passaggio di Sappada in FVG, in prossimità delle elezioni, del referendum dell'autonomia che si effettuerà in Veneto e Lombardia senza dimenticare le consistenti turbolenze internazionali secessioniste che fanno tremare l'Europa. Europa sempre più silente. 
Iter: Nel luglio 2007, su richiesta sottoscritta da oltre 400.000 cittadini, il Consiglio comunale delibera l'indizione di un referendum popolare consultivo per il passaggio di Sappada alla Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, nell'ambito della Provincia di Udine. La votazione si è tenuta nelle giornate del 9 e 10 marzo 2008: l'affluenza è stata pari al 75,3 per cento (ossia 903 elettori) e i sì hanno vi…

Se video sul canale Isis mostra dettagli sicurezza stazione di Liverpool

Il noto sito Site ha diffuso una notizia, che se confermata, sarebbe l'ennesimo messaggio focalizzato su Liverpool. Questa volta un video mostrerebbe i dettagli della sicurezza della stazione dei treni di Liverpool. Chi ha girato quel video è stato identificato?  Visto che di dettagli, si presume, ve ne saranno diversi che consentirebbero di risalire a circostanze ed ora e momento in cui sarebbe stato girato quel presunto filmato? E come mai quelli dell'Isis o chi per loro son così sprovveduti? Continuando anche ad usare un canale di comunicazione ultra-intercettato? Certo, è loro scopo farsi ammazzare ma di norma dopo aver ammazzato. Sulla questione dei lupi solitari si è detto molto, e si stanno analizzando i profili, si tratta spesso di giovanissimi con problemi di inserimento sociale, con problemi di adattamento significativi e problemi psicologici trascurati. Sicuramente una persona con la testa normale non combatterebbe alcuna guerra santa o maledetta che sia con nessu…

Più storia contemporanea, più materie umanistiche per una scuola più "umana" e mondo diverso

Sappiamo tutto della storia antica, poco della medievale, qualcosa della moderna, nulla della contemporanea. E questo è il dramma della nostra scuola ma anche della nostra società. Ovviamente dipende anche da come la si insegna, perchè è innegabile che se la storia è costituita  da fatti, eventi, fatti ed eventi si inseriscono all'interno di un contesto che necessita della giusta lettura e la chiave giusta con cui leggere la storia è nelle mani di pochi. Storia contemporanea ed in via generale tutte le materie umanistiche, come la letteratura, la filosofia, possono rendere la scuola più umana. Stiamo andando nella direzione dell'eccessivo pragmatismo, troppa tecnica e poco sentimento, poca comprensione del sentimento umano, rischiano di trasformarci in belve.  Sarà un caso o forse no, ma ci si deve chiedere perchè i terroristi che hanno trovato nell'estremismo religioso la via per realizzarsi nel vuoto assoluto sociale in cui sono immersi, difficilmente hanno avuto una fo…

Se tre Comuni hanno il fascio nel gonfalone

Tre Comuni italiani, Isorella, Battaglia Terme e Majano, rispettivamente in Lombardia, Veneto e Friuli, hanno nel proprio gonfalone il fascio. Quel fascio che caratterizzerà il ventennio in Italia che venne usato fin dalla sua fondazione seguendo il motto Fiume e la Dalmazia italiane. Quel fascio che caratterizzerà ad esempio la provincia del Carnaro come annessa all'Italia dal fascismo grazie alla scellerata marcia di occupazione partita casualmente da Ronchi nel 12 settembre del 1919 e capeggiata dal "duce mancato" e razzista oltre che amante della guerra quale D'Annunzio.   Pare che i tre fasci dei rispettivi gonfaloni in realtà siano pregressi al fascismo. Che facciano parte del simbolismo proprio del fascio romano o di origine etrusca. Nel caso di Majano in rete si legge che lo stemma ufficiale del Comune di Majano, presenta uno scudo “d’azzurro, al fascio littorio al naturale” ed è stato concesso formalmente dal Presidente della Repubblica con Decreto del 31 l…

La Spagna non riuscirà ad arrestare il Referendum della Catalogna. Ma in Italia come ci si comporterebbe?

Le reazioni, nel senso proprio di reazione, del governo centrale di Madrid contro l'autonomia catalana non devono stupire. Erano state annunciate. Certo che se avessero usato la stessa mano pesante per prevenire gli attentati del 17 agosto, visto che il livello di sicurezza era il quarto, chissà che storia si racconterebbe oggi.  La Spagna ha definito il referendum del 1 ottobre  illegale e chi lo sostiene viene considerato come un delinquente, dunque verrà sanzionato pesantemente. Colpiscono i vertici e la base, si finirà in galera, si commissarierà l'autonomia catalana, si invierà forse anche l'esercito. Ma la strada intrapresa dalla Spagna sarà fallimentare. Il popolo catalano scenderà in piazza, resisterà e la repressione ha l'effetto di favorire il processo dell'indipendenza. Andava gestita politicamente questa situazione, democraticamente, ma così non è stato. In Catalogna voteranno. Vincerà il sì. E quello che sarà poi non è dato sap…

Basta nazionalismi, da rivedere le intitolazioni delle nostre scuole

La scuola è il luogo ove si formano le nuove generazioni, si dice. La scuola è il pilastro fondamentale di ogni società, si ripete. Un contenitore multiforme, una scatola moderna o vecchia, all'interno della quale si consumano alcuni dei migliori o peggiori anni della gioventù e dove insegnanti e personale scolastico trascorrono gran parte della loro vita. E le scuole hanno un nome, una intitolazione. E' inaccettabile che nella società di oggi, che finalmente ha compreso il male dei nazionalismi, dei fascismi, dei razzismi, delle guerre,  pericoli costanti e mai tramontati, siano intitolate a personaggi che non sono e non possono essere considerati in nessun modo come un valore per l'Italia e la nostra società . Sono tante le scuole intitolate ad esempio ad Oberdan, che oggi verrebbe considerato come un terrorista, a D'Annunzio il "duce mancato" e noto per il suo razzismo contro gli slavi, a Cristoforo Colombo torturatore e schiavista , o Cadorna o Diaz, i …